- Storia In Rete - http://www.storiainrete.com -

Storia in Rete numero 69-70, luglio-agosto 2011

1943: mentre il mondo si avvia verso il culmine della guerra totale, c’è chi pensa alla pace. E la notizia sorprendente è che si tratta dei dittatori totalitari degli Stati belligeranti: Mussolini, Stalin ed anche Hitler. Una rete di contatti favorita dai giapponesi e dagli altri satelliti dell’Asse e finora negata o lasciata in ombra da una visione della Seconda guerra mondiale che somiglia più alla propaganda dell’epoca che non ad un’analisi storica seria. Ma i nuovi documenti diplomatici stanno consentendo di riscrivere in tre dimensioni le vicende dell’anno della svolta nel conflitto mondiale, come ci racconta un estratto da un approfondito saggio di Eugenio Di Rienzo ed Emilio Gin, preceduto da una lunga prefazione di Fabio Andriola.

E ancora, il bluff della Marcia su Roma, un mito creato dai fascisti e dagli antifascisti per motivi opposti di opposte propagande. Poi un altro un passo indietro negli anni con un ampio servizio su Luigi Cadorna, il Generalissimo: il comune di Udine decide di togliere la piazza che gli era stata dedicata. Storia in Rete ha chiesto ad uno dei maggiori biografi del Generalissimo perchè questa decisione è antistorica. E sbagliata. Dalla Grande Guerra agli orrori della Guerra Fredda, quando le Superpotenze sperimentavano le atomiche in casa propria e sui propri cittadini e soldati, come gli USA in Nevada. Storia in Rete fa quindi un salto nel Rinascimento, con la vicenda di Isabella de’ Medici, che finora si credeva uccisa dal marito per gelosia, e con le teorie militari di Machiavelli, inascoltate in Italia ma applicate dagli eserciti spagnoli che dominarono i decenni a cavallo fra Cinque e Seicento. E proprio dal Secolo di Ferro parte una mostra a Villa D’Este sui “Battaglisti”, i pittori specializzati in scene di battaglia che fornivano all’Italia dei secoli della decadenza delle guerre da appendere al muro mentre le potenze europee si sfidavano in quelle vere.

Tutto questo e molto altro su Storia in Rete di luglio e agosto!!

Guarda la copertina di Storia in Rete n. 69-70 [1]

Leggi il sommario di Storia in Rete n. 69-70 [2]

Quella lunga estate del 1943 [3]

Exit strategy: quando Mussolini voleva la pace fra Stalin e Hitler [4]

Il grande bluff (bi-partizan…) della Marcia su Roma [5]

Luigi Cadorna. Fu veramente il “Generalissimo”! [6]

Cadorna raccontato da un maestro del giornalismo: Ugo Ojetti [7]

L’orrore degli esperimenti nucleari USA in Nevada [8]

Nessuno uccise Isabella de’ Medici [9]

Picca e archibugio: le armi del Secolo di Ferro viste da Machiavelli [10]

I “battaglisti” in mostra a Villa d’Este [11]

VUOI ACQUISTARE IL NUMERO 68 DI STORIA IN RETE IN PDF? CLICCA QUI! [12]
TI SEI PERSO QUALCHE COSA? VEDI NELL’ARCHIVIO DEI NUMERI ARRETRATI [13]