“Buon selvaggio”? Gli aborigeni cambiarono il clima australiano

18 luglio

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Uno studio pubblicato da Geophysical Research Letters rivela che la pratica aborigena di bruciare le pianure durante le stagioni fredde e secche può aver avuto un’influenza determinante sul ciclo monsonico del continente. Lo studio si è basato su una complessa simulazione al computer di come avrebbe reagito il clima australiano senza i vasti incendi appiccati dagli aborigeni, e mostra che le precipitazioni non sarebbero mai scese sotto i 3 cm d’acqua durante le stagioni pre-monsoniche. Una quantità di pioggia modesta, ma necessaria e sufficiente alla vegetazione locale per riprendersi dalla stagione secca e che gli incendi avrebbero ridotto anno dopo anno, instaurando una spirale verso la siccità permanente. Anche la temperatura del continente avrebbe subito una crescita di 0,5° in media.

Negli anni passati era stata provata l’azione antropica nell’estinzione di gran parte della macrofauna australiana ben precedente all’arrivo dei bianchi, con la scomparsa di numerose specie di canguri, vombati e altri marsupiali.

_____________________

Inserito su www.storiainrete.com il 18 luglio 2011

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.