Afganistan: monastero del 600 distrutto per scavi miniera

18 luglio

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Il governo afgano ha dato il via libera ad una compagnia cinese per gli scavi minerari sul sito di Mes Aynak, nel quale sorge un antico monastero buddista di oltre 1.400 anni fa. Il monastero è una delle poche vestigia ancora ben conservate della civiltà de greco-buddista in quell’area.

Il governo afgano ha tuttavia privilegiato le ragioni dello sviluppo economico ed ha autorizzato gli scavi alla ricerca di rame, che fra meno di 14 mesi dovrebbero portare alla distruzione dell’intero complesso. Non a caso la collina su cui sorge il monastero si chiama Mes Aynak, “piccolo pozzo del rame”, e qui è prevista la realizzazione di una miniera a cielo aperto. Per questo un centinaio fra archeologi e operai sta lavorando febbrilmente per salvare il salvabile e portar via ogni reliquia del passato che possa essere smontata e trasportata lontano dalle ruspe.

I cinesi si sono aggiudicati una gara d’appalto da 2,9 miliardi di dollari, che rappresenterà il più grande piano di sviluppo per l’Afganistan.

__________________

Inserito su www.storiainrete.com il 18 luglio 2011

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.