Sul set a settembre per la miniserie sul “Prefetto di ferro”

9 agosto

Una mafia rurale, una criminalità che nei primi anni del ventennio fascista fu affrontata con metodi militari e di guerra vera e propria, come ai tempi post unitari della lotta al brigantaggio, con risultati così eclatanti da far dire a Benito Mussolini alla Camera «La mafia è sconfitta». Questa epoca, ancora non raccontata dalla fiction tv che pure di mafia se ne è occupata tanto e per alcuni anche troppo, sarà lo sfondo della miniserie Il prefetto di ferro, due puntate per Raiuno sul set il 26 settembre.

.

da BresciaOggi del 9 agosto 2011

.
Nella parte di Cesare Mori, il prefetto simbolo ancora oggi della lotta dura contro la mafia, sarà Vincent Perez, coprotagonista dovrebbe essere Maurizio Casagrande al suo debutto in un ruolo drammatico, mentre a Bianca Guaccero andrebbe il ruolo di protagonista femminile.
«Questo progetto che vuole ricreare una Sicilia quasi rarefatta, come quella che ci fa vedere la serie del commissario Montalbano» spiega il produttore Giorgio Schottler della Artis Film, «ha avuto interesse e apprezzamenti dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano cui è stato presentato il 20 maggio scorso».
La regia sarà di Alessandro Capone dopo che Carlo Carlei inizialmente coinvolto ha dovuto abbandonare per un altro film. Mori, nato a Pavia nel 1871, fu l’ideale continuatore di Joe Petrosino, il poliziotto italo americano che per primo contrastò la mafia.

__________________________

Inserito su www. storiainrete.com il 9 agosto 2011

__________________________

Vuoi saperne di più? Leggi l’articolo su Joe Petrosino su Storia in Rete n. 63


Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.