Scuola inglese a pezzi: i bambini credono che Churchill sia un cane della pubblicità…

13 ottobre

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Un grido d’allarme sullo stato della cultura media nei giovani britannici è stato lanciato da Katherine Birbalsingh, già insegnante, studiosa dei problemi scolastici e scrittrice, in una conferenza presso la “Sir John Cass’s Foundation” che ha avuto grande risalto sulla stampa inglese.

I bambini in età scolare della Gran Bretagna pensano che Winston Churchill sia il cane di un cartone animato di un carosello pubblicitario oppure non sanno distinguere fra Parigi e la Francia. “La colpa di questa situazione è nell’insistere su un’educazione leggera” – ha dichiarato la Birbalsingh – “Negli ultimi trent’anni il concetto di insegnare conoscenza nelle nostre classi è letteralmente scomparso. Insegnare fatti storici o liste di parole che devono fare affidamento sulla memorizzazione è considerato fuori moda. Al contrario, pensiamo che sia meglio ispirare i ragazzi ad essere creativi attraverso discussioni di gruppo e lavori collettivi. Il problema è che le conoscenze di base sono assolutamente necessarie per consentire ai bambini di assorbire nuove idee”.

_________________

Inserito su www.storiainrete.com il 13 ottobre 2011

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.