Moavero rinuncia alla scrivania di Mussolini: «Motivi di spazio»

3 dicembre

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)

Appena insediatosi a Palazzo Chigi, il neo-ministro degli Affari europei Enzo Moavero ha chiesto due cose: la sostituzione, come auto di servizio, di una grossa Bmw con una più economica e piccola Lancia Delta, e la rimozione di una scrivania che, secondo la leggenda, apparteneva a Mussolini. Ma l’ultimo ad utilizzarla era stato l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti. Che ne aveva fatto un motivo di scherzoso vanto. Moavero non sembra avere la stessa voglia di scherzare con i residuati del ventennio, e ha quindi dato l’ordine di sgombrare la stanza: «Ma è soltanto per motivi di spazio», ha spiegato, smentendo le voci che spiegavano la decisione con una scelta «antifascista».
.
dal Corriere della Sera del 1 dicembre 2011
.
L’INDIGNAZIONE DI STORACE – Intanto però la voce si è diffusa, suscitando l’irritazione di chi apprezza certi cimeli, e la gioia di chi invece li disprezza. «Confesso che non conoscevo Enzo Moavero Milanesi – afferma ad esempio Francesco Storace, leader de La Destra sul suo blog -. Costui ha pensato di passare alla storia ordinando di cambiare la scrivania ministeriale perché quella che ha trovato – si dice – sarebbe appartenuta a Benito Mussolini: Sono antifascista io, ha ululato gonfiando il petto. Giammai quel tipo di arredamento, avrà aggiunto. Ecco, vorrei poter dire che gente così non fa onore allo Stato che ha giurato di servire. E farebbe bene il presidente Monti a disfarsi di un personaggio di tal fatta».
«Se questo è il buongiorno del ministro Moavero- aggiunge Domenico Gramazio, senatore del Pdl -, è senza dubbio il saluto di chi non ricorda la storia d’Italia o la vuole cancellare dagli annali. Ed a poco varrebbe qualsiasi giustificazione».
LA SODDISFAZIONE DELLA SINISTRA – «La scelta di Enzo Moavero è una scelta di igiene politica». Dice invece Alessandro Pignatiello, della segreteria nazionale del Pdci. «Che settori della destra, parlamentari ed extraparlamentari, ma tutti interni alla coalizione di Berlusconi e Alfano, rivendichino con orgoglio le gesta compiute da quella scrivania da Mussolini la dice lunga sul grado di democrazia della destra italica».
__________________________
Inserito su www.storiainrete.com il 3 dicembre 2011

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Un commento


  1. … tanto una dichiarazione di antifascismo, anche in assenza del fascismo stesso, paga sempre chi la fa, perché riesce a spacciarsi per vero democratico, così come a suo tempo fece anche il BOSSI; tanto democratici sono al punto che se potesse impiccherebbe tutti i repubblichini.
    Peccato che questi ultimi siano già morti da un pezzo!!!!
    A tutti coloro che vogliono dedicarsi alla politica resta da prendere esempio!
    Gli basterà esternare contro Nerone e contro il Duce ed il gioco è fATTO.

    Federico

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.