La tragedia dimenticata degli italiani di Crimea deportati

27 gennaio

Il 29 gennaio del 1942, mentre le truppe nazifasciste tentavano di conquistare l’attuale Ucraina, su ordine di Joseph Stalin iniziò la deportazione degli italiani di Crimea. Circa quattromila persone furono caricate sui carri bestiame e trasferite nei campi di lavoro dell’Asia centrale. La maggior parte morì ancora prima di arrivare a destinazione, altri perirono sotto i lavori forzati. Solo un minima parte riuscì a salvarsi. Oggi in Crimea vivono circa 300 tra deportati e loro discendenti. A differenza delle altre minoranze che abitavano nella regione e subirono la stessa sorte, agli italiani non è stato riconosciuto lo status di deportati, né è stata restituita la cittadinanza del paese d’origine.

.

dal “Corriere della Sera” del 27 gennaio 2012 Logo di Corriere della SeraCorriere.itCorriere TV

___________________________

VUOI SAPERNE DI PIU’?

Giulia Giacchetti Boiko – Giulio Vignoli, L’olocausto sconosciuto. Lo sterminio degli Italiani di Crimea, Edizioni Settimo Sigillo, Roma, 2008

ORDINABILE ATTRAVERSO  LA LIBRERIA VIRTUALE DI STORIA IN RETE

90 pagine, 13 euro

____________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 27 gennaio 2012

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.