Porno graffiti: i più antichi disegni rupestri raffigurano sesso

17 maggio

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Risalgono a 37.000 anni fa i più antichi disegni dell’uomo e sono a luci rosse: molte delle pitture rupestri scoperte in Francia, in una grotta nei pressi del comune di Castenet, rappresentano infatti l’organo sessuale femminile e altre immagini su temi sessuali.
.
da blitzquotidiano del 16 maggio 2012 Blitz quotidiano
.
Descritte sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas), le pitture rupestri erano state scoperte nel 2007 e sono state analizzate adesso da un gruppo di ricerca internazionale guidato dall’Università di New York. Accanto ai rappresentazioni di temi sessuali, sulle pareti della stessa grotta sono numerose le pitture che hanno come protagonisti animali.
Come spiegano gli stessi ricercatori, la scoperta offre un contributo importante per la comprensione delle prime rappresentazioni grafiche conosciute nel Sud-Ovest della Francia, dove la quasi totalità dei siti preistorici è stata scoperta prima dell’avvento dei moderni metodi di scavo archeologico e di analisi.
Le raffigurazioni incise nel soffitto della grotta di Abri Castenet rappresentano certamente una vulva e diversi animali, soprattutto bisonti, e con i loro 37.000 anni risultando essere in assoluto le piu’ antiche testimonianze artistiche umane. Sono state prodotte dalla cultura preistorica dell’Aurignaziano, la stessa che verosimilmente avrebbe prodotto numerose altre testimonianze di soggetto simile ritrovate sia in Italia che in Francia.

_______________________

Inserita su www.storiainrete.com il 17 maggio 2012

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.