L’assassinio del Duca di Milano. Dialogo fra storici

11 giugno

L’assassinio del duca di Milano è un tema affascinante e ancora oscuro. Già la comunicazione ufficiale, inviata dalla corte ai potentati alleati, tendeva a ridimensionare le origini della congiura, imputandola a tre giovani milanesi. La ricerca di Bartolo Belotti, dell’inizio del Novecento, cercava di ripercorrere la vicenda attraverso fonti diplomatiche, mentre i più recenti studi di Riccardo Fubini, hanno portato alla luce una ramificazione esterna al ducato, che rende il tema di notevole interesse e suscettibile di approfondimenti. Il seminario si propone dunque, attraverso la collaborazione di storici di diverse discipline, di ricostruire le “ragioni” dell’assassinio, mettendo a confronto documentazioni di tipo diverso, che permettono di portare alla luce le motivazioni che promossero la congiura e soprattutto le sue dimensioni. Offese personali, estorsioni fiscali, violenze rivolte verso singoli componenti della corte, si accompagnano a licenziamenti e improvvise rimozioni da incarichi di prestigio. Gli schieramenti politici vengono piegati e stravolti attraverso una politica matrimoniale imposta dal duca, membri delle stesse consorterie vengono messi l’uno contro l’altro, e soprattutto sistematicamente impoveriti.

Archivio di Stato di Milano
Via Senato, 10
martedì 12 giugno 2012
DIALOGHI TRA STORICI
Indizi, spunti, approfondimenti
sulle ragioni dell’assassinio di Galeazzo Maria Sforza
ore 9.30 Tavola rotonda
relatori:
Franca Leverotti
Riccardo Fubini
Giorgio Chittolini
Italo Cammarata
Edoardo Rossetti
ore 13.00 Buffet
ore 14.30 Discussione

Castelli del Ducato
www.castellidelducato.eu
Comunicazione
via G.B. Vico 32, 20123 Milano – Tel. +39 02 49636170
Mirella Motta +39 335 274261 – Pinuccia Brunella +39 335 7021321
info@castellidelducato.eu

__________________

Inserito su www.storiainrete.com il 11 giugno 2012

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Un commento


  1. Nel percorso di ricerca rientra anche il feudo di Melzo, la contessa di Melzo, Lucia Marliano amante di Galeazzo Maria Sforza,diede alla luce due figli avuti dal duca. Probabile traslazione segreta del corpo di Galeazzo Maria Sforza nella Chiesa di S. Andrea a Melzo.
    Info: http://www.amicisantandrea.com

    Perosi Adriano

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.