Ritrovato relitto della corazzata “Roma”, affondata nel 1943

28 giugno

Una immagine d'epoca della corazzata 'Roma'Nel Golfo dell’Asinara è stata finalmente identificata – dopo decenni di vane ricerche – una parte del relitto della Corazzata Roma, adagiata a circa 1000 metri di profondità ed a circa 16 miglia dalla costa sarda. Lo fa sapere la Marina militare. La nave era stata affondata da due bombe tedesche il 9 settembre del 1943, con 1352 vittime.

.

da ANSA del 28 giugno 2012 Prima pagina: Ansa.it

.

Due giorni fa il ritrovamento era stato annunciato da un team di ricercatori guidato da Francesco Scavelli, ma – a quanto si apprende – non si trattava del punto giusto. E’ stato infatti un altro team di ricerca, fa sapere la Marina Militare, guidato da Guido Gay e con a bordo uomini della forza armata ad identificare con certezza il relitto del gioiello della Regia Marina adagiato negli abissi. Le prime ed esclusive immagini del relitto sono state riprese dall’ingegner Gay, titolare della società Gaymarine S.r.l. che da molti anni conduce in zona sperimentazioni di innovative apparecchiature di esplorazione subacquea da lui ideate e costruite. Grazie all’ausilio del sofisticato robot subacqueo Pluto Palla e ad altri esclusivi strumenti imbarcati a bordo del catamarano Daedalus di proprietà dello stesso ingegnere, il sito dove giace il relitto della corazzata Roma è stato individuato e visitato. Il personale della Marina Militare, imbarcato per l’occasione sul Daedalus su invito dell’ingegnere Gay, ha verificato la inequivocabile coerenza delle immagini, riprese per la prima volta il 17 giugno scorso e ripetute il 28 giugno 2012, di pezzi di artiglieria contraerea imbarcata sulla corazzata Roma. Dopo 69 anni dall’affondamento è stato dunque possibile assegnare la corretta posizione a quello che la Marina Militare ritiene uno dei più importanti Sacrari del mare. La corazzata fu affondata il nove settembre del 1943 da un aereo tedesco: morirono 1352 marinai, insieme al comandante delle forze navali da battaglia della regia Marina, l’ammiraglio di squadra Carlo Bergamini. Solo 622 furono i sopravvissuti. I dettagli della scoperta verranno presentati nel corso di una conferenza stampa che si terrà a La Maddalena all’inizio della prossima settimana.

__________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 28 giugno 2012

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.