Gerolamo Segato, l’uomo che pietrificava i corpi

22 ottobre

Immagine anteprima YouTube

Nella Toscana della prima metà dell’Ottocento si muoveva un singolare personaggio, Girolamo Segato, che dopo aver vagato per vari paesi tra cui l’Egitto, iniziò a sperimentare un modo di conservare i cadaveri. Non una semplice tecnica di imbalsamazione ma una vera e propria “pietrificazione” che fissava per sempre colori, tessuti, dimensioni e fattezze delle persone defunte. Giunto alla perfezione poco prima della morte, Segato non ha mai voluto rivelare il segreto della sua scoperta. Segreto che ancora oggi la scienza non è riuscita a decifrare.

Durata: 25’ circa

In Tuscany in the first half of the 19th century a strange character, Girolamo Segato, was at large. Having wandered through many countries including Egypt he started experimenting a way of preserving human bodies. It was not just a simple embalming technique but a real “petrifaction” which fixed the colouring, materials, dimensions and features of the corpse for ever. He was on the point of perfection just before his own death but Segato refused to reveal the secrets of his discoveries. These secrets remain today as modern science has been as yet unable to decipher his methods.

Duration: approx. 25’

Dans la Toscane de la première moitié du XIX agissait un singulier personnage Girolamo Segato, qui après avoir erré dans plusieurs pays en autre l’Egypte, commenca à expérimenter une façon de conserver les cadavres. Non seulement une simple technique d’embaumement mais une véritable “pétrification ” qui fixait pour toujours les couleurs, les tissus, les dimensions et les traits des personnes défuntes. Arrivé à la perfection peu de temps avant sa mort, Segato n’a jamais voulu révéler le secret de sa découverte. Un secret qu’encore aujourd’hui la science n’a pas su découvrir.

Durée: 25’ environ

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.