Venduta all’asta lettera in codice di Napoleone: “faremo esplodere il Cremlino”

11 dicembre

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Una lettera in codice scritta da Napoleone Bonaparte nel 1812, nella quale si annunciava che le forze francesi avrebbero distrutto il Cremlino a Mosca, è stata venduta all’asta per 187.500 euro. Si tratta di una cifra superiore più di dieci volte rispetto al prezzo stimato prima della vendita, che si aggirava intorno a 15mila euro. Ad aggiudicarsi il documento è stato il Museo delle lettere e dei manoscritti di Parigi. L’asta si è tenuta a Fontainebleau, a sud della capitale francese. La missiva, datata 20 ottobre 1812, era scritta con un codice numerico utilizzato da Napoleone per evitare rischi nel caso in cui fosse stata intercettata. Su una riga si legge: “Alle tre di mattina di giorno 22 farò saltare in aria il Cremlino”.
La lettera sul Cremlino è solo una dei pezzi battuti all’asta oggi. È stato venduto, per esempio, un manoscritto di 310 pagine scritto da Napoleone durante l’esilio sull’isola di Sant’Elena fra il 1818 e il 1819. Anche questo documento è andato al museo parigino, che se lo è aggiudicato per 375mila euro. Gerard Lheritier, direttore del museo, ha spiegato che la struttura possiede già almeno 1500 lettere, manoscritti e altri scritti legati a Napoleone Bonaparte. Recentemente ha comprato dal Giappone uno di questi documenti, che Napoleone aveva scritto all’imperatrice Giuseppina. “Abbiamo molte lettere che sono molto più importanti” di quella sul Cremlino, ha detto telefonicamente Lheritier.

da yahoo!news del 2 dicembre 2012 

_____________________

Inserito su www.storiainrete.com il 10 dicembre 2012

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.