I documentari di Storia in Rete su Orvieto in anteprima nazionale

7 febbraio

Anteprima nazionale per due docufiction sul miracolo di Bolsena prodotte da LA7 / “Storia in Rete”. Al Teatro del Carmine, Sabato 9 e Domenica 10 febbraio alle ore 17,30 presentazione di “Orvieto 1268. Processo ai Catari” e di “In principio fu il dubbio…La storia del miracolo del Corporale”.

da OrvietoNotizie del 5 febbraio 2013 Logo dell'Agenzia Orvieto Notizie

Due docufiction televisive per far conoscere, attraverso la storia di Pietro Parenzo e del miracolo di Bolsena, un importante periodo storico della Città di Orvieto e del suo popolo. Sono quelle realizzate e prodotte da “Storia in Rete” per LA7 in collaborazione con Umbria FilMovie, ArTè Teatro Stabile d’Innovazione ed il Comune di Orvieto, per la regia di Alessandra Gigante.

Le docufiction, di cui è autore Fabio Andriola sono state interamente girate lo scorso mese di novembre ad Orvieto e saranno presentate in anteprima nazionale al Teatro del Carmine durante questo fine settimana: Sabato 9 febbraio alle ore 17,30 verrà presentato il documentario “Orvieto 1268. Processo ai Catari” mentre Domenica 10, stessa ora, sarà la volta di “In principio fu il dubbio…La storia del miracolo del Corporale”.

Alla presentazione interverranno oltre all’autore e alla regista: il Sindaco di Orvieto Antonio Concina, l’Assessore alla Cultura Marco Marino, il Direttore Generale di TI Media e Amministratore Delegato de LA7 Marco Ghigliani e Sonia Broccatelli Presidente di Umbria FilMovie.

“Andranno in programmazione su LA7 nel corso nel 2013 e raccontano uno spaccato della storia orvietana che è importante conoscere così come il ruolo che ebbe la popolazione in quel tempo” spiega Sonia Broccatelli.
“Ci siamo avvalsi soltanto di attori umbri ed orvietani, di comparse e maestranze del posto – aggiunge – e del supporto delle Istituzioni locali, dalla Soprintendenza ai Beni Culturali all’Opera del Duomo. Molte riprese, infatti, sono state realizzate nelle chiese, come quella dedicata a Santa Chiara. Ma anche in altre location suggestive come l’Oratorio della Misericordia e il complesso sotterraneo di Orvieto Underground, proprio nell’intento di valorizzare oltre alla storia di Orvieto anche il suo straordinario patrimonio artistico. Cercando di sottolineare il collegamento tra il passato e la realtà attuale, passaggio in cui Orvieto ha preservato le sue caratteristiche sino ad oggi. Del Corteo Storico di Orvieto non abbiamo potuto utilizzare i preziosi e delicati costumi da parata, poco adatti al realismo cinematografico, bensì molti altri oggetti”.
“Per la produzione di ‘Storia in Rete’ – conclude – Orvieto si è rivelata una location ideale e c’è la volontà di continuare su questa linea per la realizzazione di altri prodotti documentaristici. Già vi sono alcuni progetti di docufiction che potrebbero essere girati ad Orvieto ma è prematuro parlarne. Le docufiction che saranno presentate sabato e domenica erano già state programmate dalla produzione, indipendentemente dal Giubileo Eucaristico Straordinario della Diocesi di Orvieto-Todi, oggi però ben si affiancano alle iniziative che verranno promosse per questa occasione, essendo un contributo storico-documentaristico sull’epoca di riferimento del Miracolo di Bolsena e della istituzione della festa del Corpus Domini”.

______________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 7 febbraio 2013

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.