Celestino V non fu ucciso: «Il foro sul cranio è naturale»

27 febbraio

Le spoglie di Papa Celestino V torneranno, entro il 5 maggio prossimo, nella basilica di Collemaggio all’Aquila dove era stato incoronato pontefice il 29 agosto del 1294. I resti del papa avranno una maschera di resina o d’argento che avrà le sembianze più vicine al suo volto naturale, con paramenti in materiale sintetico per assicurare la durata nel tempo, e il pallio donato da Benedetto XVI nella visita del 28 aprile del 2009, tre settimane dopo il tragico terremoto dell’Aquila.

dal Messaggero del 23 Febbraio 2013 Messaggero logo

È cominciata la ricognizione sulle spoglie di San Pietro Celestino affidata alla Commissione Diocesana nominata il 12 febbraio scorso – il giorno seguente l’annuncio di dimissioni di Benedetto XVI – il cui gesto è stato accomunato al «gran rifiuto» dell’eremita del Morrone, nato a Isernia, tra il 1209 e il 1215 che lasciò il Pontificato il 13 dicembre 1294.

La ricostruzione delle vere fattezze del viso di Celestino V avverrà con tecniche innovative, tra cui l’ausilio dello scanner laser: la maschera di cera che ha ricoperto finora il cranio di Papa Celestino V aveva le sembianze e l’anello del cardinale Carlo Confalonieri, arcivescovo dell’Aquila dal 1941 al 1950.

Intanto, secondo indiscrezioni emerse dopo il lavoro di circa tre ore, della commissione presieduta dall’arcivescovo, Giuseppe Molinari, il cranio di Celestino V, rimosso insieme alle ossa, presenta un foro che sarebbe «biologico» e cioè naturale: questo sembrerebbe smentire la teoria avanzata da taluni secondo cui il Papa che si dimise probabilmente perchè non reputò più opportuno prestarsi alle pressioni di Carlo d’Angiò e dei faccendieri intenti ad approfittare della sua buona fede, fosse stato assassinato su ordine di Bonifacio VIII, suo successore, che lo fece catturare a Vieste nel giugno 1295, mentre tentava di raggiungere l’eremo di Sant’Onofrio, e poi imprigionare nel castello di Fumone (Frosinone) dove rimase fino alla morte, avvenuta nel 1296, a 87 anni.

La teca con il Papa santo è stata prelevata il 21 febbraio dalla Basilica di Collemaggio all’Aquila e trasferita in un luogo segreto, per prevenire fatti gravi come il furto delle spoglie avvenuto tra il 17 e il 18 aprile del 1988 quando ignoti rubarono l’urna con lo scopo probabile di una richiesta di riscatto; le spoglie furono ritrovate nel giro di 48 ore nella frazione di Roccapassa ad Amatrice (Rieti).

____________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 27 febbraio 2013

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.