Il 49% dei russi ha nostalgia di Stalin, solo il 32 condanna

6 marzo

Tutti in Piazza Rossa per celebrare i 60 anni della morte di Josif Stalin. Proprio tutti no, ma certo in molti rispetto agli anniversari d’occasione degli anni passati, in cui il 5 marzo veniva ricordato da un manipolo di vecchietti smarriti che imbracciavano bandiere rosse d’epoca sovietica e agitavano ritratti di cartone stazzonati, fumando o chiacchierando all’ingresso dei giardini di Alessandro per tornarsene a casa quando cominciava a irrigidire, non senza aver cantato qualche vecchio inno improntato a un’involontaria mestizia.

di rancesca Sforza da “la Stampa” del 6 marzo 2013 

Quest’anno la partecipazione è stata più numerosa, almeno per la «photo opportunity» in Piazza Rossa, che ha visto, per esempio, il rappresentante dei vetero-comunisti del Kprf Ghennadi Ziuganov posare un garofano rosso davanti alla statua del «piccolo padre» circondato da un migliaio di persone alle spalle.

Più elevato il numero dei nostalgici di Stalin che emerge da un sondaggio del Centro demoscopico Levada: il 49 per cento degli intervistati contro un 32 per cento di condanne senz’appello. «La riabilitazione di Stalin – spiega Lev Dmitrevic Gudkov, sociologo dell’istituto di ricerca – è iniziata con l’arrivo al potere di Putin. Nel 2012 per la prima volta è stato inserito al vertice della lista delle grandi personalità della Russia».

«La verità sull’era staliniana – aggiunge Gudkov – è stata cancellata, sostituita da un culto devoto per l’uomo forte, il leader efficiente». C’è poco da stupirsi dunque che il quotidiano comunista «Sovetskaya Rossiya» pubblichi in prima pagina un articolo su Stalin intitolato «Il suo tempo verrà».

Il presidente Vladimir Putin, pur condannando in diverse occasioni le purghe e il terrore, non ha fatto nulla per correggere la lettura di Stalin come salvatore della patria. Anno dopo anno le celebrazioni del 9 maggio per la vittoria della grande Guerra Patriottica si sono fatte più magniloquenti e pompose, condite di tanto in tanto da autentiche perle di retorica. Come quando disse che bisognava non avere cuore per non aver provato dolore di fronte alla dissoluzione dell’Unione Sovietica, o quando rispolvera il progetto di creazione di una grande Unione euroasiatica con la Bielorussia. «Quello di Putin è un modo di fare politica – osserva ancora Lev Gudkov – che rischia di far dimenticare macroscopiche evidenze storiche». Il numero di vittime dei Gulag, per esempio, o «il fatto che la guerra, con tutta probabilità, non fu vinta grazie a Stalin, ma malgrado lui».

________________________

La Russia ricorda l’amato (e odiato) Stalin

Galleria fotografica da http://www.corriere.it

Uomini e donne posano fiori sulla tomba del leader sovietico Josip Stalin presso la Piazza Rossa, a Mosca. La celebrazione di oggi si inserisce nelle numerose manifestazioni organizzate lungo tutto l'anno per ricordare i 60 anni dalla morte del leader sovietico (Reuters/Karpukhin)

Uomini e donne posano fiori sulla tomba del leader sovietico Josip Stalin presso la Piazza Rossa, a Mosca. La celebrazione di oggi si inserisce nelle numerose manifestazioni organizzate lungo tutto l’anno per ricordare i 60 anni dalla morte del leader sovietico (Reuters/Karpukhin)

Afp/Kudryatsev

Afp/Kudryatsev

Il leader del partito comunista russo Gennady Zyuganov rende omaggio alla tomba di Stalin (Afp/Smirnov)

Il leader del partito comunista russo Gennady Zyuganov rende omaggio alla tomba di Stalin (Afp/Smirnov)

Nostalgici mostrano il ritratto di Stalin. L'opinone dei russi sul leader è sempre stata ambivalente: chi lo considera un feroce dittatore, responsabile del massacro di milioni di persone, e chi lo ritiene il salvatore della nazione, colui che ha permesso alla Russia di vincere la seconda guerra mondiale (Reuters/Karpukhin)

Nostalgici mostrano il ritratto di Stalin. L’opinone dei russi sul leader è sempre stata ambivalente: chi lo considera un feroce dittatore, responsabile del massacro di milioni di persone, e chi lo ritiene il salvatore della nazione, colui che ha permesso alla Russia di vincere la seconda guerra mondiale (Reuters/Karpukhin)

Epa/Kochetkov

Epa/Kochetkov

Reuters/Karpukhin

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

2 commenti


  1. C’era da aspettarselo …

    Enrico Emilitri

  2. […] Il 49% dei russi ha nostalgia di Stalin, solo il 32 condanna ? Storia In Rete addariveni?, baffone! in russia, grazie a putin, torna in voga il mito di stalin – Cronache https://ostpolitik.wordpress.com/tag…azione-stalin/ […]

    Anonimo

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.