Paura reazione islamica: no a distribuzione film di Martinelli

12 marzo

UNDICI SETTEMBRE BY MARTINELLIIl 6 dicembre 2012 “il Secolo XIX” titolò in prima pagina: «Il polpettone anti-islamico che ci costa 6 milioni e imbarazza la Rai». Il polpettone è “11 Settembre 1683”, presunto kolossal da 12 milioni di euro scritto e diretto da Renzo Martinelli. Vi si rievoca, con evidenti riferimenti al massacro delle Twin Towers del 2001 e al cosiddetto scontro di civiltà, la battaglia di Vienna svoltasi in quell’anno cruciale. Quando, motivate dal carismatico frate Marco d’Aviano sullo schermo interpretato da Murray F. Abraham, le truppe della Lega cristiana guidate dal re polacco Jan Sobieski III ebbero la meglio sullo smisurato esercito ottomano deciso a espugnare Vienna con l’obiettivo di abbeverarsi poi a San Pietro, nell’indifferenza dei francesi avversari degli Asburgo.

Michele Anselmi su il Secolo XIX del 11 marzo 2013 

Imbarazzo era ed è la parola giusta. Tanto è vero che, dopo una nervosa trattativa condotta col baldanzoso regista un tempo molto amico di Bossi e oggi un po’ deluso dal Carroccio, Raicinema ha deciso di soprassedere. Nel senso che non distribuirà più il film, in un primo momento inserito nel listino ufficiale con uscita fissata al 31 gennaio. Infatti “11 Settembre 1683”, il cui strillo di lancio, semmai non fosse chiaro il concetto, recita «Il primo 11 Settembre 300 anni fa», sarà nelle sale l’11 aprile col marchio Microcinema.

Nomen omen? Vedremo. Di sicuro, scottata dall’esperienza commerciale e di critica di “Barbarossa”, il film su Alberto da Giussano che nemmeno le camicie verdi andarono a vedere nonostante il battage a tappeto, Raicinema prende, tardivamente, le distanze dal progetto, nato come miniserie tv di 200 minuti sotto il governo Berlusconi, s’intende fortemente sostenuto, nel cda di viale Mazzini, dai consiglieri di centrodestra.

Solo che oggi l’aria è cambiata. Sicché il film, rimasto politicamente orfano, pure considerato, non solo a sinistra, inutile, costoso e foriero di evitabili polemiche con la comunità islamica, ha dovuto misurarsi con le perplessità ragionevolmente espresse dal “Secolo XIX” e peraltro condivise, ci risulta, dal direttore generale della Rai Luigi Gubitosi dopo un confronto con l’amministratore delegato di Raicinema Paolo del Brocco.
Il trasferimento della pratica a Microcinema, oggetto di qualche insofferenza da parte del regista, non sarà del tutto indolore: contrattualmente Raicinema deve comunque sborsare dei soldi per il lancio del film.

Circa 250 mila euro: molto meno, però, della cifra inizialmente prevista. Resta il fatto, in materia di denaro pubblico, che 4 milioni e 100 mila euro sono già stati spesi da Raifiction, e un altro milione tondo tondo è venuto dal ministero ai Beni culturali. Martinelli oggi fa il moderato, cita nel press-book gli studiosi Paolo Mieli, Michael Novak e John Stoye, giura che il suo «non è un film contro l’Islam». Difficile credergli, conoscendolo. Ma il problema, una volta uscito il suo film ad aprile, sarà un altro: che fare della versione lunga per Raiuno?

___________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 12 marzo 2013

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

7 commenti


  1. Il regista Martinelli non si é reso conto che il clima é molto cambiato negli utlimi 2 anni? Ora é diventato molto più difficile fare propaganda populista contro l’Islam, proprio perché i musulmani si sono svegliati dal loro torpore e hanno cominciato ad essere protagonisti del loro destino

    Mahmoud

  2. Caro Mahmoud,trattassi di un evento storico che si fa si toglie dai libri ?????Mi dispiace che non vi abituate al fatto di aver perso.Il film si deve distribuire nelle sale anche perche’ A CASA NOSTRA NON COMMANDATE VOI!Si fara’ una petizione per far girare il film con tanto di cerimonia.Paura della verita’ caro Mahmoud?

    maria

  3. Già, ma il problema è che il film (bello o brutto non so…) si occupa di quando i mussulmani volevano occuparsi del NOSTRO destino. Una tentazione che hanno cullato per diversi secoli – una decina – ben prima e molto dopo le tanto vituperate crociate… E poi cosa c’entra la Storia con il clima del presente o di due anni fa? Possono passare i secoli ma gli aggrediti restano tali e gli aggressori pure. Stop.

    Fabio Andriola

  4. Mahmoud, a svegliarvi dovreste essere voi che nel 2013 gridate ancora alla jihad, fate attentati contro donne e bambini ebrei o cristiani e odiate l’occidente, salvo poi venirci ad abitare perché qui trovate quella libertà che vi negano nei vostri paesi. Mi fate ridere: secondo te e quelli come te dovremmo cancellare la storia? Eppure dalle tue parti si ricordano ancora le crociate di secoli fa! La storia è storia e voi musulmani di porcherie ne avete fatte, esattamente come gli altri. Solo che quando fanno un film contro l’occidente, i cristiani o gli ebrei voi siete felici e non vi scandalizzate. Siete ipocriti, come coloro che qui da noi ve la danno vinta e fanno di tutto er assecondarvi.

    Massimo

  5. Mahmoud, a svegliarvi dovreste essere voi che nel 2013 gridate ancora alla jihad, o quegli estremisti islamici che fanno attentati contro donne e bambini ebrei o cristiani e odiano l’occidente, salvo poi venirci ad abitare perché qui trovano quella libertà che vi negano nei vostri paesi. Secondo te e quelli come te dovremmo cancellare la storia? Eppure dalle tue parti si ricordano ancora le crociate di secoli fa! La storia è storia e voi musulmani di porcherie ne avete fatte, esattamente come gli altri. Solo che quando fanno un film contro l’occidente, i cristiani o gli ebrei voi siete felici e non vi scandalizzate. Siete ipocriti, come coloro che qui da noi ve la danno vinta e fanno di tutto per assecondarvi.

    Massimo

  6. rimango molto deluso dall’ennesimo caso di autocensura (stupido ed ignorante) di un fatto storico esistito veramente. La paura di che cosa della reazione degli islamici? ma per piacere. trovo tutto ciò antidemocratico poichè si priva la libertà di accedere e di vedere un film a chi lo vuolevedere. Sinceramente non me ne frega nulla dei musulmani se si offfendono o meno. Devo vergognarmi se nel 1683 abbiamo vinto una guerra contro quei barbari (che ancora oggi si comportano tali?) e che ci ha evitato passare sotto gli ottomani?? Vergognatevi, e ricordate che la paura rende schiavi…

    Gregorio

  7. mahmoud, visto che ti piace fare il protagonista..io direi che lo puoi fare in uno dei primi aerei in volo verso i tuoi Paesi tanto belli e liberi… nessuno ti ha chiesto di venire nel MIO paese (CRISTIANO).

    Gregorio

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.