Storia in Rete numero 93-94, luglio-agosto 2013

19 luglio

Storia in Rete di luglio-agosto è interamente dedicata all’estate del 1943, il punto di svolta della Seconda guerra mondiale. I mesi più convulsi del conflitto, fra contatti diplomatici segreti, trame, sforzi militari all’ultimo sangue, armi segrete e – su tutto – l’uscita dell’Italia dal conflitto come potenza attiva, per trasformarsi nel campo di battaglia fra Alleati e Asse.

Questo numero di Storia in Rete, dunque, si concentrerà sugli aspetti del conflitto che la storia ufficiale ha sempre tenuto in secondo piano, e che ora la ricerca d’archivio sta finalmente – e faticosamente – riportando a galla. Dagli abboccamenti fra Hitler e Stalin per una pace di compromesso a est ai piani (falliti) di Mussolini per uno sganciamento “indolore” dalla Germania, dal miraggio delle armi segrete (che tanti danni arrecò a tutti i belligeranti, tranne a l’unico che non ci aveva mai scommesso sopra: Stalin). Poi, fatti e retroscena dell’invasione alleata della Sicilia, fra documenti, contatti segreti con la Mafia e i falliti preparativi italiani per la difesa. Infine l’Armistizio dell’8 settembre, con i riflettori accesi su alcune figure “minori” che tuttavia – nell’ombra – giocarono dei ruoli cardine ancora da valutare appieno.

Insomma, nell’estate del 1943 nulla andò come i protagonisti dell’epoca avevano immaginato. E nulla andò come è stato raccontato sbrigativamente e con il senno del poi (e gli interessi di chi raccontava…).

Un numero “speciale”, per riaprire tutte quelle questioni che la Storia aveva per troppo tempo dichiarato “chiuse”.

Tutto questo e molto altro su Storia in Rete di luglio-agosto!!

 

VUOI ACQUISTARE IL NUMERO 93-94 DI STORIA IN RETE IN PDF? CLICCA QUI!

TI SEI PERSO QUALCHE COSA? VEDI NELL’ARCHIVIO DEI NUMERI ARRETRATI

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.