Documenti inediti: gli 007 jugoslavi spiavano istriani esuli e rimasti

26 luglio

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Avrebbe stupito il contrario. Tra i sorvegliati speciali dei servizi segreti jugoslavi, e parliamo del periodo antecedente la frantumazione della Federativa di Tito, c’erano anche gli italiani che vivevano (e vivono) in Croazia e Slovenia, le loro istituzioni e poi l’Università popolare di Trieste e il Consolato italiano di Capodistria.

di Andrea Marsanich da “Il Piccolo” del 13 luglio 2013 

È quanto emerso giorni fa e ripreso dai quotidiani, il polese Glas Istre e il fiumano La Voce del Popolo, rivelazioni che emergono dal documento venuto alla luce una ventina di anni fa e formulato da Josip Perkovi„, ex agente segreto jugoslavo, che la Germania vuole le sia estradato (la Croazia ha risposto picche) perché sospettato di avere liquidato dissidenti croati in territorio tedesco.
A redigere il testo anche Jan Gabris dell’Intelligence di Zagabria. Entrambi lo avevano fatto per conto dell’allora presidente della Croazia, Franjo Tudjman, e dei suoi stretti collaboratori, descrivendo nei dettagli o quasi le attività degli 007 comunisti nel periodo dal 1980 al 1990, anno dell’avvento del sistema pluripartitico nelle ex repubbliche jugoslave.
Il regime di Belgrado, che vigilava e sospettava di tutto e tutti, aveva naturalmente nel mirino anche gli italiani rimasti, quelli che non avevano abbandonato le loro terre istriane e fiumane, isole comprese, da sempre guardati con diffidenza perché “nazionalisti e irredentisti”.
La storia avrebbe scritto invece pagine e verità diverse nel decennio delle guerre balcaniche, tragedie le cui conseguenze si fanno sentire tuttora. All’epoca i servizi jugoslavi rivolgevano particolari attenzioni a nomi noti della nostra Comunità nazionale, come ad esempio Antonio Borme, Antonio Pellizzer, Giovanni Radossi e Anita Forlani.
I controlli riguardavano anche gli esuli, l’Università popolare triestina, il consolato italiano a Capodistria e anche alcuni presunti irredentisti, presenti nella Chiesa cattolica in Italia. Belgrado temeva sinergie di qua e di là del confine, che avrebbero avuto un traguardo: la secessione dei territori ottenuti dopo il secondo conflitto mondiale e la loro annessione all’Italia.
L’Udba, così nel dossier, marcava strettamente i servizi segreti italiani operativi a Udine, aveva un agente infiltrato nella Capitaneria di porto di Trieste, seguiva quanto avveniva all’Istituto di studi e documentazione sull’Europa, con sede a Trieste e si impegnava pure nel parare i colpi del Servizio per le informazioni e la sicurezza militare (Sismi). Prima della caduta della Jugoslavia l’attività degli 007 fu frenetica soprattutto nelle aree di confine, e, in azione non c’erano solo gli jugoslavi ma anche i britannici e gli americani, senza dimenticare i francesi soprattutto in Croazia.

_____________________

Vuoi saperne di più? Leggi Storia in Rete!

Storia in Rete n. 91

 

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.