46° edizione del Premio Acqui Storia: sabato la premiazione

17 ottobre

Il regista Pupi Avati, Giampaolo Pansa, Roberto Napoletano, Pier Francesco Pingitore Testimoni del Tempo. Maurizio Serra, Ottavio Barié, Giuseppe Marcenaro, Dario Fertilio i vincitori della 46a edizione del Premio Acqui Storia. A “Gli Anni Spezzati – Trilogia Anni 70. Il Giudice” e a Graziano Diana il Premio La Storia in TV. A Franco Cardini il Premio alla Carriera con la Medaglia Presidente della Repubblica. A Roberto Giacobbo il Premio Speciale.

Sabato 19 ottobre alle ore 17.15 presso il Teatro Ariston di Acqui Terme, Piazza Matteotti si terrà la cerimonia di premiazione della 46° edizione del Premio Acqui Storia. Sarà condotta da Franco Di Mare, che conduce tutti i giorni sulla prima rete televisiva “La vita in diretta”, e dall’inviata di Uno Mattina Antonia Varini. Sarà il culmine di un intenso programma di eventi, da sette anni con la regia di Carlo Sburlati, iniziati in prima mattina presso il Grand Hotel Nuove Terme, con l’incontro dei vincitori con la stampa, i lettori e gli studenti.

Il Premio è divenuto in questi ultimi anni uno dei più importanti riconoscimenti europei nell’ambito della storiografia e del romanzo storico, ottenendo una grande visibilità internazionale e un importante rilancio scientifico, culturale e televisivo. Nel 2013 il numero delle opere partecipanti al concorso è stato di 178 volumi, a fronte di una media di circa 30 dei primi quarant’anni dell’Acqui Storia.

Maurizio Serra, ambasciatore italiano all’Onu a Ginevra, con il volume Malaparte. Vite e leggende, Marsilio Editori e Ottavio Barié con il volume Dalla guerra fredda alla grande crisi. Il nuovo mondo delle relazioni internazionali, Il Mulino si aggiudicano ex aequo il premio da 6500 euro nella sezione storico-scientifica.
Giuseppe Marcenaro, penna della Repubblica, della Stampa e del Foglio, viene premiato nella sezione storico-divulgativa con il volume Una sconosciuta moralità. Quando Verlaine sparò a Rimbaud, Bompiani.
Dario Fertilio, prestigiosa firma del Corriere della Sera, con il volume L’ultima notte dei fratelli Cervi. Un giallo nel triangolo della morte, Marsilio Editori, si aggiudica i 6500 euro del Premio nella sezione dedicata al romanzo storico.

L’assegnazione del Testimone del Tempo, che rappresenta il momento più prestigioso della manifestazione, vedrà premiate sul palco dell’Ariston quattro figure di straordinario rilievo nel panorama artistico e culturale contemporaneo: il regista Pupi Avati, Giampaolo Pansa, Roberto Napoletano, Pier Francesco Pingitore.

“La Storia in TV” 2013 vuole rendere un significativo omaggio alla serie TV «GLI ANNI SPEZZATI. IL GIUDICE». Il film premiato fa parte di una trilogia le cui altre due fiction sono intitolate «IL COMMISSARIO» e «L’INGEGNERE». Alla consegna del premio a Graziano Diana, regista della trilogia, sarà presente lo scrittore Luciano Garibaldi, co-autore della sceneggiatura e Massimo Coco, figlio del procuratore generale di Genova assassinato con la sua scorta dalle BR.

Il Premio speciale “Alla Carriera”, è stato conferito a Franco Cardini, insigne cattedratico universitario, autore di testi fondamentali tradotti in molte lingue del mondo, ma che hanno saputo raggiungere anche il grosso pubblico.

Accanto ai premiati dell’edizione in corso, un ospite d’eccezione viene a ritirare il Premio che gli era stato conferito nel 2011: Roberto Giacobbo, giornalista, ideatore di format ed esperto di comunicazione, autore e conduttore del programma Voyager – ai confini della conoscenza – da lui ideato nel 2003 e trasmesso sulla Rai.

Il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, Pier Angelo Taverna, ha sottolineato “Il Premio Acqui Storia riunisce in sé la maggior parte delle caratteristiche che la Fondazione richiede ai progetti da finanziare: è un evento che si rinnova da 46 anni continuando a crescere nel tempo, che richiama personaggi di altissimo livello ad Acqui promuovendone l’immagine, che abbina la letteratura al turismo nel segno della storia e della cultura. Mi complimento con gli organizzatori per l’alto livello che la rassegna continua a mantenere, a livello nazionale ed internazionale”.

“Anche quest’anno ho voluto rendere onore al motivo ispiratore del Premio Acqui Storia, che è nato nel 1968 per ricordare i caduti della “Divisione Acqui”. Nel 2013 ricorre il 70° anniversario del sacrificio della Divisione Acqui e siamo onorati di avere tra i nostri ospiti, un reduce di Cefalonia, Giovanni Grassi e il Vice Sindaco di Argostoli, la capitale dell’isola di Cefalonia”– ha dichiarato il Sindaco di Acqui Terme Enrico Silvio Bertero.

“La consapevolezza dell’importanza che l’Acqui Storia riveste per la cultura storico-letteraria italiana ed europea costituisce per noi uno stimolo a far crescere il Premio, soprattutto dal punto di vista della qualità dei testi in concorso, del calibro dei personaggi che calcano il palco del Teatro Ariston, elementi fondamentali che hanno decretato negli anni il successo di questa manifestazione, che annovera tra i suoi partecipanti le migliori penne della storiografia internazionale” – ha rimarcato Carlo Sburlati, artefice in questi ultimi anni di uno spettacolare rilancio scientifico, culturale, mediatico e mondano del Premio, come evidenziato dai maggiori quotidiani italiani e raccontato in quasi tutti i telegiornali nazionali.

L’Acqui Storia vanta l’Adesione del Presidente della Repubblica, il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.