Sacco del Ghetto di Roma, 1943: “Io ebreo salvato da due fascisti”

21 ottobre

602-408-20121016_085009_4706E6F8Sono passati 70 anni da quel 16 ottobre del 1943. 70 anni da quel “sabato nero” in cui centinaia di SS fecero irruzione nel Ghetto di Roma nei pressi del Portico d’Ottavia e rastrellarono 1024 persone: ebrei romani, donne, uomini, anziani e oltre 200 bambini. Il rastrellamento fu effettuato da uno speciale reparto delle SS, venuto appositamente a Roma al comando del Cap. Donneker, il quale, tramite Kappler, aveva ottenuto dalla Questura di Roma circa 20 agenti di polizia in qualità di collaboratori.

di Micaela Del Monte da Intelligo del 16 ottobre 2013 

L’antico quartiere ebraico fu l’epicentro di tutta l’operazione. Le SS irruppero nelle case degli ebrei all’alba, sorprendendo molte famiglie ancora nel sonno. Tutte vennero arrestate e poi raccolte provvisoriamente in uno spiazzo poco più in là del Portico d’Ottavia attorno ai resti del Teatro di Marcello. Tutti vennero poi caricati a forza sui camion, verso una destinazione sconosciuta.

Due giorni dopo, alle 14.05 del 18 ottobre, diciotto vagoni piombati partiranno dalla stazione Tiburtina.

I 1024 passeggeri, trasportati in carri bestiame, viaggiarono per 6 giorni e 6 notti verso Auschwitz, e da lì solo quindici uomini e una donna (Settimia Spizzichino) ritorneranno a casa dalla Polonia.

Nessuno dei 200 bambini fece mai ritorno.

Tutto ebbe inizio dal Ghetto, ma nessun quartiere della città fu risparmiato: il maggior numero di arresti si ebbero a Trastevere, Testaccio e Monteverde. Alcuni si salvarono per caso, molti scamparono alla razzia nascondendosi nelle case di vicini, di amici o trovando rifugio in case religiose, come gli ambienti attigui a S. Bartolomeo all’Isola Tiberina.

C’è anche chi si è salvato perché era nel posto giusto, al momento giusto e ha incontrato persone giuste. Persone che al di là delle apparenze erano persone buone e magnanime.

Molte persone si sono salvate per questo motivo. Mio nonno, Leone Del Monte, si è salvato così, per un caso fortuito e per un incontro casuale: «Erano le 6 del mattino, mia madre si era alzata per fare colazione e come ogni mattina si era affacciata al balcone, così aveva avuto la terribile notizia da un vicino di casa, anche lui ebreo: i tedeschi erano nel Ghetto e stavano arrestando centinaia di famiglie. Così svegliò mio padre Armando e noi tre fratelli, prese i cappotti dalla cassapanca e ci spinse ad uscire. Ricordo ancora l’odore di naftalina e la pioggerellina gelida di quel 16 ottobre. A quell’epoca abitavamo in via di Ponziano, nei pressi di viale Trastevere, da lì ci avviammo verso il quartiere ebraico, sicuri che stare insieme agli altri ebrei fosse la soluzione migliore. Ci incamminammo io, mia madre, mio padre e i miei due fratelli, Cesare e Sergio. Mia madre era molto preoccupata, aveva capito che la situazione era grave e quindi decise di proseguire separatamente: io e Sergio con lei da un lato della strada, mentre mio fratello Cesare, il più grande, con mio padre sull’altro marciapiede. Eravamo su ponte Garibaldi e lì, a due passi dal luogo che probabilmente ci sarebbe stato fatale, accadde quello che ancora oggi ricordo in modo perfettamente nitido».

«Lì – aggiunge mio nonno – è accaduto ciò che ha salvato la vita a tutta la mia famiglia. Due uomini in impermeabile nero camminavano verso mio padre, dall’altra parte del ponte. Assistevo da lontano, mano nella mano con mamma che iniziò ad urlare: la divisa della milizia fascista era inconfondibile. “Armando, Armando scappa!!!”. Fu tutto ciò che mia madre riuscì a dire prima che quei due uomini fermarono mio padre.

“Siete ebrei?” E d’un tratto l’aria gelida di Roma diventò ancora più insopportabile. ”Sì, perché?” Rispose mio padre in modo permaloso. Come se quella domanda fosse una delle più comuni. Come se quella risposta potesse non essere fatale.

E invece quella risposta ci ha salvato, quei due “Angeli Neri”, così li chiamo ancora oggi, ci hanno salvato. Perché loro, che provenivano direttamente del Ghetto e avevano assistito al rastrellamento, ci avevano invitato a tornare indietro. Noi stavamo andando verso l’inferno e loro ci hanno chiuso fuori.

Da quel momento nulla fu più come prima, ma noi c’eravamo ancora: mia madre e mio padre, con mio fratello Cesare, si rifugiarono in via dall’Ongaro, in una casa presa in affitto preventivamente dopo la richiesta dei 50kg d’oro. La padrona di casa non voleva bambini, così io e Sergio fummo portati nella parrocchia di piazza Rosolino Pilo a Monteverde. Qui fummo accolti dal parroco, che su invito di Papa Pio XII tentava di nascondere qualche ebreo. Ci diede pane e marmellata, di cui ancora ricordo il sapore se ci penso, poi ci mandò in un convento poco lontano. Lì avremmo passato fino al giugno del ’44 aspettando gli americani.

Ciò che mi colpì profondamente fu capire che il destino colpisce quando deve, con la sua puntualità. E questo non solo perché incontrammo le persone giuste al momento giusto, ma perché accadde un’altra cosa che mi dimostrò che quello non era il mio momento di morire.

Il convento in qui ci nascondevamo era a pochi metri dalla Stazione Trastevere che spesso e volentieri veniva bombardata dagli americani. Ci fu una sera in cui le suore mi misero in punizione, spostandomi di camera e lasciandomi da solo nell’altra ala del convento. Quella sera la Stazione venne bombardata, ma venne colpito il convento e quella che era la mia vecchia stanza».

Oggi è un dovere ricordare quello che è accaduto il 16 ottobre di 70 anni fa, il giorno in cui sono state spezzate le vite di migliaia di ebrei romani, ma a me piace ricordare anche come quel giorno mio nonno si è salvato. Perché grazie a quel giorno, grazie a quei due poliziotti fascisti, è stato possibile che mio nonno avesse una famiglia e così a sua volta mio padre

Quei due “Angeli Neri” hanno permesso che oggi fossi qui anche io, la nipote, la terza generazione, e mi hanno permesso di dire: “Ho sconfitto Hitler”.

_____________________

Vuoi saperne di più sul sacco del Ghetto di Roma? Leggi Storia in Rete n.96!!

Quanti ebrei salvò Pio XII? I rapporti tedeschi dimostrano l’impegno del Vaticano contro i nazisti

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

2 commenti


  1. Anche mia madre portiera del Viale Trastevere salvò un ebreo avvisandolo che era ricercato.

    Vincenzo Pistoi

  2. Anche mia madre Veloci Sestilia portiera del Viale Trastevere 220 salvò un ebreo avvisandolo che era ricercato.

    Vincenzo Pistoi

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.