L’uomo moderno può avere come antenati più di una specie

13 gennaio

Una nuova parola nell’archeologia – così può essere definito il lavoro di un pool internazionale di scienziati di cui fanno parte anche specialisti russi. I ricercatori hanno letto il genoma della donna di Neanderthal proveniente della caverna di Denisovo in Altai, nella Siberia Occidentale. L’analisi genetica ha confermato che gli uomini di Neanderthal, Homo sapiens e ancora una, per ora “non-identificata” specie umana, hanno avuto antenati comuni. Finora si riteneva che specie “non si mischiavano” e, dunque, non si scambiavamo geni.
I ricercatori dell’Istituto accademico di archeologia e etnografia di Novosibirsk (Siberia), e anche loro colleghi della Germania, della Cina e degli USA, hanno estratto DNA da un frammento osseo di un piede di una donna di Neanderthal che visse circa 40000 anni fa. I resti sono stati trovati durante gli scavi nella caverna di Denisovo in Altai – nel Sud della Siberia Occidentale.

di Olga Sobolevskaja, da La Voce della Russia del 4 gennaio 2013 Societá, Commenti, Nel mondo, Uomo, Archeologia

Questa caverna è diventata famosa nel 2010 dopo che vi fossero state trovate le ossa di una specie umana sconosciuta che per ora si chiama proprio così – i denisoviani. Tuttavia oltre ai denisoviani nella caverna di Altai vivevano anche le specie ben note – l’uomo di Cro-Magnon e l’uomo di Neanderthal. Complessivamente durante gli scavi nella caverna sono rinvenuti oltre 20 strati di terra appartenenti a epoche diverse.

Tuttavia il mistero principale per gli scienziati finora rimaneva l’ipotesi di un possibile accoppiamento tra le specie. Per molto tempo si riteneva che diverse specie umane erano isolate l’una dall’altra e non scambiavano geni. Tuttavia alcuni scienziati, ad esempio, Boris Maliarciuk, responsabile del laboratorio di genetica dell’Istituto accademico di problemi biologici del Nord, hanno attivamente dibattuto la cosiddetta teoria ibrida.

Hanno espresso le supposizioni che l’uomo moderno potrebbe avere come antenati più di una specie – Homo sapiens e i suoi parenti – gli uomini di Neanderthal e i denisoviani. Lo scorso autunno Maliarciuk è stato uno dei primi a scoprire le sequenze di DNA che attestavano l'”ibridizzazione” tra Homo sapiens e gli uomini di Neanderthal. Ora il pool internazionale degli scienziati che hanno decifrato genoma della donna di Neanderthal con l’impiego dell’analisi genetico – molecolare ha confermato l’incrocio tra tutte le specie che abitavano nella caverna di Denisovo.

C’è stato lo scambio di geni tra diverse specie umane, ha scritto il pool di scienziati sulla rivista “Nature”. In altre parole, i rappresentanti delle specie diverse non solo vivevano a turno nella stessa caverna per oltre diecimila anni, ma anche avevano i figli in comune. Risulta che queste specie, separandosi circa 400000 anni fa, comunque non sono diventate completamente isolate gli uni dagli altri.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.