Tutto l’archivio storico della British Pathé su YouTube

20 aprile

Nata poco dopo l’invenzione del fratelli Lumière, la Pathé era una società cinematografica che si occupava sia di produrre apparecchiatura per il cinema, sia di produrre e distribuire film. Dietro alla Pathé c’erano quattro fratelli, Charles, Émile, Théophile e Jacques Pathé, che fecero crescere la società spingendo sull’innovazione (furono tra i primi a investire per la creazione del cinema a colori e del cinema sonoro) e con una serie di operazioni aggressive di mercato (ad esempio l’acquisizione dei brevetti dei Lumière nel 1902) che la portarono in pochi anni a controllare tutto il cinema europeo.

Da LINKiesta del 17 aprile 2014 Linkiesta

La sede inglese della Pathé, la British Pathé, dal 1910 fino al 1970 si specializzò in cinegiornali (che dicono di aver inventato), telegiornali e documentari, raccogliendo e raccontando per anni notizie, storie e curiosità. Oggi è uno dei più ricchi archivi di video storici del mondo, ora consultabile da tutti su YouTube. Il 13 aprile 2014, infatti, la British Pathé ha pubblicato sul proprio canale già popolato di moltissimi video, tutto il suo archivio storico. Stiamo parlando di oltre 85.000 video.
Alastair White, il manager generale dell’archivio, ha detto a Sky News che «l’archivio British Pathé è considerato il migliore del mondo per quanto riguarda le notizie. E raccoglie anche una quantità di filmati dedicati alla società, a come le persone hanno vissuto, lavorato e si sono divertite nel corso del ventesimo secolo. Abbiamo deciso di pubblicare l’intero archivio su YouTube per assicurarci che il maggior numero persone possibile potesse vedere i filmati della British Pathé».

Tutti i video sono stati caricati sulla pagina YouTube della British Pathé.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.