Trincee ’14/18 – La Grande Guerra negli occhi di un soldato

18 maggio

Si inaugurerà a Roma giovedì 22 maggio, a partire dalle ore 18:00, presso la Galleria Tempi Moderni di via Giulia 80, la mostra “Trincee ’14/18, La Grande Guerra negli occhi di un soldato”, alla presenza dell’Assessore alla scuola, infanzia, giovani e pari opportunità di Roma Capitale, Dott.ssa Alessandra Cattoi. Promossa dalla Fondazione Moderni e inserita nel programma della Presidenza del Consiglio dei Ministri per il Centenario della Prima Guerra Mondiale, patrocinata inoltre, da Roma Capitale e dalla Regione Lazio, “Trincee ’14/18” permetterà al pubblico di vivere, come in presa diretta, l’inferno del fronte attraverso l’esperienza e lo sguardo dei protagonisti dell’epoca.
Grazie ad un esclusivo materiale audiovisivo ed a una rara collezione di oltre 1000 lastre fotografiche tridimensionali scattate nelle prime linee, la mostra permetterà al grande pubblico di ripercorrere l’inferno delle trincee, attraverso gli occhi di un soldato al fronte, con l’obiettivo di diffondere nelle giovani generazioni una maggiore conoscenza storica e consapevolezza di uno degli eventi che hanno maggiormente influito sul processo di costruzione del nostro Paese.

Sponsorizzata dalla società di produzione Amygdala.
Per la stampa sarà possibile prendere parte all’inaugurazione ufficiale del 22 maggio ore 18:00, previa conferma mail: info@galleriamoderni.it

La mostra sarà gratuita e aperta al pubblico dal 24 maggio, tutti i giorni dalle 10:00 alle 19:00.

Info e contatti: www.galleriamoderni.it
Facebook:@galleriamoderni
Twitter:@100grandeguerra
Tel. +39 06 – 32646109

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.