Giappone, scoperta tomba d’epoca Yamato a forma di piramide

24 settembre

Una squadra di archeologi in Giappone ha scoperto nel villaggio di Asuka, nella prefettura di Nara, una tomba a forma di piramide. Il lavoro presso il sito è tuttora in corso ma si ipotizza che la tomba risalga alla seconda metà del VI secolo. La zona di Asuka è già caratterizzata da misteriose pietre di granito dalle forme particolari sparse in tutta la regione, compresa la struttura più nota, detta “la nave Rocca di Masuda”. Gli esperti del consiglio comunale di Istruzione e Archeologia del Research Institute dell’Università del Kansai hanno detto che la sepoltura piramidale chiamata “tomba Miyakozuka” sarebbe una piramide a gradoni, fatta di più strati di pietra. Finora, i ricercatori hanno scavato gli strati a gradini di pietre e con terreno sui tre lati del tumulo. Si ritiene che la tomba si componga di sette o otto strati di pietra per complessivi 7 metri di altezza e 40 metri di lunghezza. Gli esperti dicono che la struttura è simile a quelle che si trovano nell’antico regno di Koguryo (3 ° secolo aC – 7 ° secolo dC), nel nord-est della Cina e la parte settentrionale della penisola coreana. Il villaggio di Asuka è noto anche per essere una terra antica di interesse storico. Ha le sue origini nel periodo detto del Tumulo (250-552 dC), chiamato anche Kofun Jidai, il che significa periodo del “vecchio tumulo”. Tuttavia, la piramide a gradoni scoperta di recente è molto diversa da quelle già trovate. Mentre gli archeologi non hanno ancora identificato il proprietario della tomba, una ipotesi è che essa appartenga al Soga no Iname, un capo della dinastia Yamato che morì nel 570 dC. Soga no Iname era uno statista che ha acquisito grande potere dal controllo degli immigrati provenienti dalla Cina e dalla penisola coreana, che hanno portato progressi culturali e tecnologici con loro, in Giappone. Ha avuto stretti legami con il regno Koguryo, in modo che il progetto architettonico della sua tomba potrebbe essere stata influenzata dalle tombe associate a quel regno.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.