“I Borgia”: al via una terza stagione torbida, cruda e brutale

8 novembre

Girata anche in Italia, e in particolare ad Urbino, arriva la terza stagione de I Borgia. Da lunedì 3 novembre alle 21.10 su Sky Atlantic HD e Sky Online, il primo episodio sarà eccezionalmente visibile anche in streaming sul sito skyatlantic.it. Dopo il successo delle prime due stagioni torna l’attesissima serie -scandalo che racconta la torbida storia di una delle famiglie più potenti del Rinascimento italiano. La terza stagione de I BORGIA partirà il 3 novembre alle 21.10 su Sky Atlantic HD e Sky Online con due episodi a sera. Il primo episodio, sarà eccezionalmente visibile anche in streaming sul sito skyatlantic.it, e disponibile per un’intera settimana.

di Massimiliano Carbonaro da tvzap.kataweb.it del 2 novembre 2014 

Le sfarzose ricostruzioni della Roma rinascimentale e del Vaticano mostrano scenografie e costumi che fanno rivivere sullo schermo i quadri e la pittura del tempo, mentre la storia dà spazio a tutto il lato oscuro del Rinascimento, con gli scandali consumati nelle stanze della Santa Sede, raccontandoli in maniera cruda e brutale. A dispetto dei punti oscuri intorno alla storia dei Borgia, alcune scene di questa nuova stagione sono state girate in Italia proprio con l’obiettivo di ricostruire meticolosamente l’ambientazione di un’Italia alle prese con guerre intestine e lotte dinastiche: tra le location, Palazzo Ducale a Urbino voluto da Federico da Montefeltro. Tra i nuovi ingressi nel cast: Danny Szam nel ruolo di Michelangelo Buonarroti, Thibaut Evrard in quello di Niccolò Machiavelli, mentre Ian Glen sarà Girolamo Savonarola.

VUOI SAPERNE DI PIU’? GUARDA IL DOCUMENTARIO DI STORIA IN RETE SU LUCREZIA BORGIA
http://www.dailymotion.com/video/x27xnqh

La nuova stagione della serie tv ideata da Tom Fontana riprende il racconto dell’oscura storia della famiglia Borgia, tra intrighi di potere e forti emozioni. Al centro della storia emerge la figura controversa e senza scrupoli di Rodrigo Borgia, uomo di fede eppure sfacciatamente in preda ai piaceri della carne, che portò l’illegalità e la depravazione tra le mura del Vaticano. Il percorso della famiglia Borgia si inserisce negli sviluppi di un’Italia all’alba di un nuovo secolo, a cavallo tra il Quattrocento e il Cinquecento: Cesare Borgia (Mark Ryder) tenterà il tutto e per tutto per sconfiggere i Signori di Romagna utilizzando il suo proverbiale e machiavellico genio politico, mentre Papa Rodrigo Borgia (John Doman), distrutto dalla morte del figlio Giovanni, dovrà fare i conti con l’incedere dell’età; Lucrezia (Isolda Dychauk), sul cui personaggio sarà molto incentrata la stagione, è ormai una donna consapevole del proprio fascino e del proprio potere e cercherà di imporre il proprio ruolo nella famiglia ma anche su Roma stessa.

All’interno della Chiesa, gli avversari di Papa Borgia cercheranno in ogni modo di approfittare delle sue debolezze per sconfiggerlo e riprendere in mano le sorti del Papato. Non mancheranno inoltre gli intrighi sentimentali e il pericolo che Cesare dimostra di essere per ogni uomo che entri nella vita dell’amata sorella Lucrezia.

VUOI SAPERNE DI PIU’? GUARDA IL DOCUMENTARIO DI STORIA IN RETE SU CESARE BORGIA
http://www.dailymotion.com/video/x29gzbk

“Comincio sempre dai personaggi perché penso che i personaggi forti siano in realtà ciò che la gente vuole vedere – ha detto Fontana parlando del suo approccio alla scrittura – possiamo immaginare in mille modi come la storia andrà a finire, ma penso che ciò che è davvero interessante siano i personaggi, sono quelli che davvero ci spingono a seguire una serie, uno show in tv, settimana dopo settimana”.

VUOI SAPERNE DI PIU’? C’E’ STORIA IN RETE n.72!

Storia in Rete n. 72

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.