Non furono i topi a scatenare la Morte Nera nel Medioevo

2 marzo

Poveri topi. Per secoli sono stati additati come i principali responsabili della peste bubbonica, che devastò l’Europa facendo milioni di morti (75 milioni tra il 1347 e il 1353, tra Europa, Asia, Nordafrica e Caucaso).

di Luisa De Montis da Il Giornale del 25/02/2015 il Giornale, ultime notizie

Ma secondo un nuovo studio dell’università di Oslo, pubblicato dalla rivista Pnas, loro non c’entravano. Il batterio che causa le epidemie si sarebbe sempre nascosto in Asia, probabilmente nei gerbilli (ratti delle sabbie), da cui muoveva periodicamente verso l’Europa “a bordo” dei viaggiatori e delle merci. L’analisi parte dalla considerazione che la peste saltava dagli animali all’uomo sempre in corrispondenza di cambiamenti nel clima, come prolungate siccità.

Analizzando gli anelli di alcuni alberi millenari i ricercatori non hanno trovato corrispondenze tra il clima in Europa e l’apparire della peste, mentre invece dagli alberi asiatici sono emersi 16 possibili momenti tra il 1346 e il 1837 in cui la malattia potrebbe
essere arrivata nei porti europei dall’Asia, tutti preceduti da forti fluttuazioni climatiche, sempre con circa 15 anni di tempo tra la partenza e l’arrivo.

“Cammelli, pulci e viaggiatori di passaggio in Asia – concludono gli autori – potrebbero aver dato uno strappo ai batteri nel loro viaggio verso l’Europa”. Non solo, dunque, i famigerati topi.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.