Colombo? Né genovese, né spagnolo, ma nato a Savona

4 marzo

Guarda la versione ingrandita di Ritratto postumo di Colombo (Wikimedia Commons)“Cristoforo Colombo nato a Savona”: nel titolo della conferenza tenutasi sabato 17 gennaio a Savona c’era già la risposta a una querelle che va avanti dalla scoperta dell’America. Cristoforo Colombo non sarebbe né genovese, né spagnolo, né portoghese o tantomeno polacco, ma “savonese”. Lo sostiene Franco Icardi di Cengio, appassionato di storia e fino al 2010 impiegato nella biblioteca di Cairo.

da Blitz quotidiano del 20 gennaio 2015

Che, portando come prove documenti dell’archivio reale spagnolo e dell’Ordine cavalleresco di Santiago, sostiene che Colombo fosse nato a Savona, con ogni probabilità nel 1436. La prova regina sarebbe contenuta nel registro di Corte dei sovrani di Spagna Isabella I di Castiglia-Leon e Ferdinando II d’Aragona, dove in poche righe Colombo viene presentato come “Christóbal Colón ginobés, natural de Saona” (“Cristoforo Colombo genovese, nato a Savona”), nel verbale dove viene annotato l’incontro del 1491 fra i sovrani spagnoli e il navigatore a Santa Fè, quello in cui si trovò l’accordo per finanziare il viaggio verso quelle che allora si pensava fossero le “Indie”.
La storia più accreditata finora della vita di Colombo lo vuole, invece, nato a Genova nel 1451, primogenito di quattro figli di Domenico Colombo e Susanna Fontanarossa. Successivamente la sua famiglia risulta, intorno al 1470, trasferitasi a Savona.

VUOI SAPERNE DI PIU’? CLICCA SULLE COPERTINE!

Storia in Rete n. 96  Storia in Rete n. 77

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.