Home Ultime notizie Afganistan: monastero del 600 distrutto per scavi miniera

Afganistan: monastero del 600 distrutto per scavi miniera

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Il governo afgano ha dato il via libera ad una compagnia cinese per gli scavi minerari sul sito di Mes Aynak, nel quale sorge un antico monastero buddista di oltre 1.400 anni fa. Il monastero è una delle poche vestigia ancora ben conservate della civiltà de greco-buddista in quell’area.

Il governo afgano ha tuttavia privilegiato le ragioni dello sviluppo economico ed ha autorizzato gli scavi alla ricerca di rame, che fra meno di 14 mesi dovrebbero portare alla distruzione dell’intero complesso. Non a caso la collina su cui sorge il monastero si chiama Mes Aynak, “piccolo pozzo del rame”, e qui è prevista la realizzazione di una miniera a cielo aperto. Per questo un centinaio fra archeologi e operai sta lavorando febbrilmente per salvare il salvabile e portar via ogni reliquia del passato che possa essere smontata e trasportata lontano dalle ruspe.

I cinesi si sono aggiudicati una gara d’appalto da 2,9 miliardi di dollari, che rappresenterà il più grande piano di sviluppo per l’Afganistan.

__________________

Inserito su www.storiainrete.com il 18 luglio 2011

- Advertisment -

Articoli popolari

Dittatura digitale: ecco come ci stiamo consegnando al mondo delle macchine (e a chi le controlla)

“I mass media soffocano la diversità. Tutto viene a scarseggiare, tranne i dieci libri, i dieci dischi più venduti, i film...

Chiese distrutte tra Francia, Belgio, Inghilterra e Cile

Nel giugno 2020 i lavori di riqualificazione di un collegio universitario a Lille, Alta Francia, raggiungevano oltralpe rilevanza nazionale: oggetto del...

Genocidio armeno: forum a cura di “Arsenale delle idee”, in diretta FB, lunedì 12 ore 19

Lunedì 12 aprile 2021, alle ore 19.00 sulla pagina Fb dell’ Arsenale delle idee il forum: “Armeni: il genocidio negato” a partire dal...

Armeni, il genocidio negato, su Storia in Rete n. 180, aprile 2021

Centinaia di migliaia di morti, forse quasi un milione e mezzo. Un'intera civiltà cancellata dalle terre dove viveva da tremila anni....