Home Ultime notizie Aperta a Perugia la mostra "Machiavelli e il mestiere delle armi"

Aperta a Perugia la mostra “Machiavelli e il mestiere delle armi”

In occasione del 500° anniversario della pubblicazione de “Il Principe” di Machiavelli nel 2013 è stato predisposto – in Italia e nel mondo – un vasto programma di iniziative e manifestazioni. Ma iniziative di vario tipo, da convegni a pubblicazioni, sono state previste anche per il 2014. Infatti, gli studi più recenti hanno definitivamente stabilito che la stesura del “Principe” occupò Machiavelli lungo i mesi finali del 1513 e quelli iniziali del 1514. Pertanto, in Italia e all’estero, il cinquecentenario dell’opera verrà celebrato con iniziative organizzate anche nel corso del 2014. Per i suoi particolari legami con l’Umbria, si è deciso di partire da Machiavelli e da un suo inedito ritratto per raccontare le vicende dei Condottieri di Ventura in una grande mostra a Perugia.

La mostra – attraverso dipinti e stampe (attingendo di preferenza al materiale presente nei musei e nelle pinacoteche regionali), libri e pubblicazioni d’epoca (anche questi reperiti di preferenza nelle biblioteche, private e pubbliche, dell’Umbria), reperti e documenti d’ogni possibile natura – intende documentare gli episodi più noti nonché tutte le diverse fasi in cui l’attività politico-diplomatica di Machiavelli si è intrecciata con le vicende storiche dell’Umbria.

VUOI SAPERNE DI PIU’? LEGGI STORIA IN RETE n. 108!

L’aspetto biografico andrà dunque di pari passo con la dimensione politica. La mostra sarà anche l’occasione per illustrare una fase della storia dell’Umbria – quella a cavaliere tra XV e XVI secolo – che è stata tra le più turbolente ma anche, in prospettiva storica, tra le più affascinanti: si pensi solo al ruolo che in essa hanno svolto capitani di ventura e famiglie signorili, che così tante tracce di sé hanno lasciato nella memoria ma anche sul piano documentario.

La mostra sarà accompagnata da un catalogo nel quale – con l’ausilio dei molti studiosi attivi nelle due Università di Perugia – sono stati approfonditi, sul piano del racconto e dell’analisi critica, le vicende e i personaggi che a diverso titolo ruotano intorno al Machiavelli avendo però come riferimento l’Umbria.

Tra le iniziative si è anche pensato a una cerimonia nel corso della quale presentare alla città la copia restaurata del codice del Principe posseduta dalla Biblioteca Augusta di Perugia.

La mostra è curata da Alessandro Campi, professore di Storia delle Dottrine Politiche, Università di Perugia, Erminia Irace, professore di Storia Moderna, Università di Perugia, Francesco Federico Mancini, professore di Storia dell’Arte Moderna, Università di Perugia e Maurizio Tarantino, direttore Biblioteca Augusta, Perugia

Informazioni e prenotazioni

FONDAZIONE CARIPERUGIA ARTE

Corso Vannucci, 47 – 06121 Perugia

info@fondazionecariperugiaarte.it

Tel. 075 5724563

Fax 075 5737693

www.fondazionecariperugiaarte.it

Gli orari di apertura saranno martedì, giovedì, sabato e domenica dalle ore 10 alle 13 e il pomeriggio dalle 15 alle 20, mentre mercoledì e venerdì solo il pomeriggio. Lunedì chiuso.

Prezzo intero 5 €, ridotto 2 €.
Gli studenti di ogni grado di studio (dalle elementari all’università) hanno accesso gratuito.

- Advertisment -

Articoli popolari

Irlanda senza pace: ora Londra sfrutta Heaney per celebrare l’occupazione dell’Ulster

Ironia della sorte, dopo esattamente un secolo dalla nascita della Repubblica d’Irlanda, istituita il 6 dicembre 1921 con la firma apposta...

Apologie. Omaggio a Rosa Luxemburg, “Rosa della Libertà”

Chi mi conosce sa che da moltissimi anni non ho più manifestato posizioni di simpatia o di comprensione nei confronti della...

1947: il PCI voleva che l’Italia si tenesse le sue colonie

di Pierluigi Romeo di Colloredo-Mels - da Storia In Rete n. 178 - gennaio-febbraio 2021 Mentre sull’onda dei vandalismi...

PCI 1921-’21. Perché non abbiamo bisogno di una Norimberga per il Comunismo

Cento anni fa nasceva il Partito Comunista Italiano. Lo ricordano non tantissimi, e fra questi soprattutto i nostalgici (pochi) e gli...