Home Ultime notizie Archivi-a-MO: Cinque km di documenti ritrovati a Modena

Archivi-a-MO: Cinque km di documenti ritrovati a Modena

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Sessantadue fondi d’archivio modenesi degli ultimi due secoli – quanto basterebbe a riempire uno scaffale lungo cinque chilometri – sono stati recuperati in quattro anni grazie ad “Archivi-a-Mo”, il progetto per la salvaguardia e la valorizzazione degli archivi storici promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena .  Si tratta di carte di varia consistenza e tipologia, conservate presso una quarantina di istituzioni archivistiche dislocate nel capoluogo e nel territorio provinciale. Un patrimonio di fonti restitui agli studiosi, utili per scrivere la storia delle istituzioni, della politica, della società, dell’economia e della cultura dei modenesi negli ultimi due secoli del nostro passato.

I risultati dei primi quattro anni di attività di “Archivi-a-Mo” saranno illustrati in un incontro pubblico in programma giovedì prossimo, 14 ottobre 2010, alle ore 15, presso la sala Ex Oratorio del Palazzo dei Musei. Interverranno i rappresentanti delle istituzioni coinvolte nel progetto – oltre alla Fondazione, le Soprintendenze Archivistica e per i Beni Librari e Documentari dell’Emilia Romagna, il Centro di Documentazione della Provincia di Modena -; a seguire Maurice Aymard, docente della Scuola di Alti Studi in Scienze Sociali di Parigi, terrà una lectio magistralis sul tema “Gli archivi: studiare il passato per capire il presente e preparare il futuro”. Nella seconda parte dell’incontro si darà dimostrazione concreta del lavoro svolto, attraverso prove di “navigazione” on line tra le carte digitalizzate, accessibili sul portale IBC archivi, e approfondimenti specifici su alcuni degli archivi trattati.

Il progetto “Archivi-a-Mo”, coordinato dai docenti modenesi Marco Cattini e Giuliano Muzzioli, ha consentito di finanziare 42 archivi del territorio, tra i quali l’Archivio Capitolare di Modena, l’Archivio di Stato, archivi di enti locali, università, scuole, biblioteche, teatri e associazioni culturali.
Una prima fase di attuazione è stata dedicata alla ricognizione dei fondi archivistici meritevoli d’intervento. Una seconda fase è consistita nell’erogazione di piccoli finanziamenti volti a esplorare le carte e a predisporre piani mirati d’intervento. Con le sinergie realizzate dalla primavera 2008, grazie alla
collaborazione tecnica e scientifica avviata fra la Soprintendenza Archivistica per l’Emilia Romagna, l’Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione e il Centro di Documentazione della Provincia di Modena (Cedoc), il progetto è entrato nella fase attuativa. Si è tenuto un corso teorico e pratico per addestrare gli archivisti all’uso del linguaggio informatico xDams prescelto di comune accordo con i partner per riordinare e catalogare le fonti documentarie selezionate e finanziate e per metterne in rete gli inventari. Seguiti i corsi, trenta archivisti hanno cominciato i lavori d’inventariazione informatizzata e il 9 ottobre, con la firma di una convenzione fra le istituzioni pubbliche, statali, regionali e provinciali preposte alla tutela e valorizzazione degli archivi e la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, sono state definite le procedure di attuazione e di controllo della qualità scientifica degli strumenti di ricerca che ora sono in corso di pubblicazione sul web. Oltre alla piattaforma IBC-xDams, le descrizioni realizzate saranno consultabili nel sistema informativo delle Soprintendenze archivistiche (SIUSA Emilia-Romagna) e, per particolari tipologie di archivi, sulla rete nazionale di Archivi del Novecento o, con modalità Arianna web, sul sito dei singoli enti proprietari o conservatori.

_______________________

Inserito su www.storiainrete.com il 19 ottobre 2010

- Advertisment -

Articoli popolari

Fake news prima dell’era social: la stampa e la Guerra del Golfo del ’91

Il 17 gennaio 1991 scattava l'operazione militare "Tempesta nel Deserto" la più grande operazione militare Usa dalla Seconda guerra mondiale. Proprio il 17 gennaio...

Ecco l”ultimo “crimine” del generale Patton

da Barbadillo.it - del 18 marzo 2015 Vorrei denunciare un recente crimine di guerra, ancora una volta a...

Mosca: chiuso il ristorante-kebab dedicato a Stalin

Giuseppe D'Amato per "Il Messaggero" del 14 gennaio 2021 Hanno chiuso il fast food Stal'in, i nostalgici del vecchio regime...

Dalle Foibe all’Esodo. Il nuovo speciale di Storia in Rete in edicola e pdf

In edicola e in PDF è disponibile il nuovo speciale monografico di "Storia in Rete", dedicato alle questioni della frontiera orientale...