Home Stampa italiana 1 Controcorrente: Badoglio? un politico astuto

Controcorrente: Badoglio? un politico astuto

Il maresciallo Pietro Badoglio non fu un inetto politicante, bensì un astuto politico: protagonista degli eventi successivi all’armistizio del 1943, riuscì a salvare la monarchia e il proprio governo dalle conseguenze della “resa senza condizioni”. Lo sostiene Ennio Di Nolfo, uno dei massimi specialisti di storia delle relazioni internazionali, professore dell’Università di Firenze, nel saggio ”Pietro Badoglio: un leader politico mancato” pubblicato dall’editore Polistampa all’interno dell’ampia monografia ”La guerra fredda e l’Italia. 1941-1989” (pp. 696, euro 48).
.
da ADNKronos del 10 luglio 2010 
.
Il maresciallo Badoglio, già capo di Stato maggiore dell’esercito fino alla fine del 1940, e successore di Mussolini alla guida del governo italiano, dal 25 luglio 1943 all’8 giugno 1944, ha raramente goduto di buona stampa nelle cronache, nella pubblicistica e nella storiografia italiana. Eppure nel periodo successivo all’armistizio, pur tratto in inganno da una serie di ambiguità e silenzi, ma anche da qualche artificio posto in essere dagli Alleati, per il professor Di Nolfo mise in mostra come dietro l’immagine del militare esistesse una personalità non priva di astuzie politiche: “Sotto la figura grigia e al di là delle apparenze”, scrive Di Nolfo, uno dei maggiori esperti italiani di storia delle relazioni internazionali, “si celava un disegno politico assai più complesso, ricco di impreviste sfumature e capace, pur nei limiti concessi dai tempi difficili, di sfruttare alcuni appigli offerti dalla situazione”.
Badoglio evitò, in particolare, che il governo e i regnanti italiani venissero esautorati (che pure era possibile, in base agli accordi presi con Eisenhower), ed avviò un’intensa attività diplomatica con cui permise all’Italia di mantenere la capacità di elaborare una politica autonoma. I saggi contenuti nel volume forniscono una lettura innovativa di molti aspetti della guerra fredda alla luce dei documenti resi disponibili negli ultimi anni, affrontando questioni ancora aperte come la politica estera del Vaticano nella fase finale della seconda guerra mondiale e il ruolo italiano nella crisi dei missili del 1962.
_________________________________
E TU COME LA PENSI? DI’ LA TUA NEL SONDAGGIO DI STORIA IN RETE:
_________________________________
Inserito su www.storiainrete.com il 14 luglio 2010
- Advertisment -

Articoli popolari

Dittatura digitale: ecco come ci stiamo consegnando al mondo delle macchine (e a chi le controlla)

“I mass media soffocano la diversità. Tutto viene a scarseggiare, tranne i dieci libri, i dieci dischi più venduti, i film...

Chiese distrutte tra Francia, Belgio, Inghilterra e Cile

Nel giugno 2020 i lavori di riqualificazione di un collegio universitario a Lille, Alta Francia, raggiungevano oltralpe rilevanza nazionale: oggetto del...

Genocidio armeno: forum a cura di “Arsenale delle idee”, in diretta FB, lunedì 12 ore 19

Lunedì 12 aprile 2021, alle ore 19.00 sulla pagina Fb dell’ Arsenale delle idee il forum: “Armeni: il genocidio negato” a partire dal...

Armeni, il genocidio negato, su Storia in Rete n. 180, aprile 2021

Centinaia di migliaia di morti, forse quasi un milione e mezzo. Un'intera civiltà cancellata dalle terre dove viveva da tremila anni....