Home In libreria Berlinguer e il Diavolo: gli inconfessabili legami tra PCI e Urss

Berlinguer e il Diavolo: gli inconfessabili legami tra PCI e Urss

Due storici e giornalisti di lungo corso, Franco Bigazzi e Dario Fertilio, hanno scritto un libro davvero ricco di notizie. Di quel genere di notizie che mass media e storiografia tendono a nascondere e trascurare perché imbarazzanti e in grado di mettere in discussione la visione oleografica del Particto comunista italiano e del suo leader più famoso ancora oggi: Enrico Berlinguer. Berlinguer e il Diavolo (Paesi edizioni, p. 144, € 14,00) è un saggio storico affronta il legame politico-economico che univa l’Unione Sovietica al Partito Comunista, fin dai tempi di Stalin e poi in seguito, attraverso un viaggio che culmina nella segreteria di Berlinguer, e anche successivamente. Contiene rivelazioni importanti sui finanziamenti illeciti, le armi, il sistema di spionaggio. E una rivelazione finale che coinvolge anche la classe politica russa succeduta alla caduta del regime: i dossier più imbarazzanti per i comunisti europei messi in sordina (ma non distrutti) per tenere sotto scacco i nuovi partiti progressisti nati in fretta e furia sulle cenerei dei vari partiti comunisti (in Italia i Ds, poi Pds e infine PD) per cercare di rendere meno evidenti i legami che duravano fin dall’indomani della Rivoluzione Russa. In questo contesto l’icona di Enrico Berlinguer viene messa a nudo, pur riconoscendo al personaggio una sua grande valenza e dignità storica. Sette capitoli da leggere tutti d’un fiato per avere una visione originale e spesso taciuta del modus operandi di Botteghe Oscure.

Puoi acquistare “Berlinguer e il Diavolo” su LIBRERIA DI STORIA – clicca qui

- Advertisment -

Articoli popolari

“I capelli sono vita e sono morte”. Le acconciature nel Medioevo

Marino Pagano per “Libero quotidiano” Medioevo, sempre ed ancora medioevo. Medioevo nella testa, se si vuole, sui capelli. Così...

Semmelweis: il medico che voleva salvare le mamme. E che fu cacciato dai suoi colleghi

A Vienna Filippo Semmelweis, medico ungherese di metà Ottocento, capì per primo che una maggiore igiene di chirurghi e ostetrici poteva evitare...

Coppa Volpi, quest’anno a Venezia niente polemiche

Quest’anno il conte Volpi di Misurata ha potuto dormire sonni tranquilli. L’industriale governatore della Tripolitania dal 1921 al 1925, e poi...

“Ogni riferimento è puramente casuale”. Ecco perché i Cingolani odiano la Storia

Il processo dura da decenni, ma motus in fine velocior, per cui non ci stupiamo se ora ciò che prima veniva solo...