Home In primo piano Case della Memoria: 1,5 milioni di visitatori. E D'Annunzio batte Dante

Case della Memoria: 1,5 milioni di visitatori. E D'Annunzio batte Dante

Un milione e mezzo: è questo il numero dei visitatori che lo scorso anno hanno scelto di fare visita alle abitazioni di personaggi illustri inserite nell’Associazione nazionale Case della Memoria. I dati sono stati presentati a Pistoia, Capitale Italiana della Cultura 2017, dove l’unica rete museale nazionale di case museo ha tracciato il bilancio complessivo dei visitatori per il 2016. Un bilancio più che positivo che ha aperto le porte anche all’idea di un nuovo pacchetto turistico-culturale.
di Domenico Bruni da Il Secolo d’Italia del 6 maggio 2017
In Toscana il maggior numero di visitatori è stato registrato alla Casa di Leonardo a Vinci (Fi): 121.787 i biglietti staccati nel 2016. Seguono la Casa di Dante a Firenze, con circa 80.000 visitatori e la Casa Boccaccio a Certaldo (Fi), con 36.751 visite. In Emilia Romagna il dato migliore è quello della Casa Ferrari a Modena con 134.000 visitatori, ma anche di Casa Pavarotti sempre a Modena (20mila) e Casa Verdi a Roncole Verdi di Busseto (Pr) con 18mila o di Villa Verdi a Sant’Agata di Villanova sull’Arda (Pc) sempre con 18mila. Da solo, per la Lombardia, il Vittoriale degli Italiani di Gabriele D’Annunzio a Gardone Riviera (Bs) ha registrato 233.402 presenze.
Un milione e mezzo di visitatori nelle Case della Memoria
Un dato significativo viene dalla Sicilia con il Castello di Donnafugata (Rg) che nel 2016 ha aperto le porte a 98.873 persone, e ancora il Lazio con i 25.146 visitatori della Keats-Shelley a Roma. In Piemonte, 13.291 i visitatori e ancora l’Umbria con la Fondazione Marini Clarelli Santi a Perugia, 4.000 visitatori, e la Basilicata con le 1.222 visite alla Casa Domenico Aiello e Michele Tedesco a Moliterno (Pz) e le tante stimate anche da Casa Levi. “In questi mesi abbiamo raccolto i dati dei visitatori delle singole case rispetto allo scorso anno – ha spiegato il presidente dell’Associazione Adriano Rigoli – e quando abbiamo fatto la somma siamo rimasti senza parole. Siamo davvero molto soddisfatti: 1 milione e mezzo di visitatori è una cifra importante che dimostra quanto la nostra rete, che ci consente di amplificare la voce di ogni singola casa museo, abbia permesso di ottenere in termini di risultati”. “Le Case della Memoria rappresentano uno strumento di musealizzazione che guarda al futuro – ha detto il presidente del Consiglio regionale della Toscana, Eugenio Giani – Per la loro capacità evocativa, legata ai grandi nomi della cultura, possono stimolare la presenza di un turismo colto e intellettuale. Nella nostra regione le case museo, che rappresentano tanti personaggi illustri, aiutano la definizione dell’identità toscana, che è proprio l’obiettivo che ci siamo posti anche a livello di Consiglio regionale”.

- Advertisment -

Articoli popolari

Cofrancesco: sulla Storia del ‘900 è gara a chi la spara più grossa…

di Dino Cofrancesco dal Huffington Post del 30 gennaio 2021 Il dovere della memoria nel nostro paese ―...

Cancel culture a San Francisco: il nome di Lincoln resta per evitare una causa

Il direttivo del distretto scolastico di San Francisco il 5 aprile scorso ha votato all'unanimità per annullare la decisione presa a...

Putsch in the USA

Forse non tutti sanno che anche gli U.S.A., negli anni Trenta, hanno rischiato di finire sotto una dittatura militare. La storia...

5 Maggio 1936, Badoglio entra vittorioso in Addis Abeba. L’Etiopia agli occhi dell’Europa di allora

Addis Abeba, 5 Maggio 1936 - Ottantacinque anni fa il Maresciallo Badoglio, “alle ore 16, alla testa delle truppe vittoriose”, entrava in Addis...