Home Ultime notizie Cultura Made In Italy: da Mediashopping all'Istituto Luce

Cultura Made In Italy: da Mediashopping all’Istituto Luce

Non vuole chiamarli manager, perché «non prenderemo uno della Coca Cola per dirigere un museo italiano», ma i dirigenti esterni al Mibact già sono presenti nell’ambito dei Beni Culturali. E a chi contesta che nel cinema, «all’Istituto Luce c’è un manager che arrivava da Mediashopping (esperto di cose alimentari) e guadagna ancora 150 mila euro l’anno», il ministro per i Beni e le Attività culturali e del Turismo Dario Franceschini replica: «Il Consiglio di Cinecittà Luce è in scadenza. Sono previste delle norme di rinnovo e stiamo discutendo con il ministero dell’Economia perché ci sono delle regole di carattere generale». In realtà il Cda (nominato dall’allora ministro Giancarlo Galan) è scaduto il 14 luglio. Dunque, anche il manager contestato potrebbe saltare, giacché il ministro si dice «assolutamente d’accordo che è bene ridurre i ruoli e ridurre le spese». Eppure anche all’Istituto Luce – l’antica istituzione per la diffusione cinematografica che dal 2011 è stata fusa con Cinecittà Holding dando vita a Istituto Luce Cinecittà Spa – vengono ora applicate le regole del decreto ministeriale n. 166/2013, in base alle quali sono previsti: un tetto retributivo per l’Ad pari a 155.829 euro e un tetto per il presidente di 46.748 euro. Dunque al presidente Rodrigo Cipriani Foresio – manager cresciuto a Mediashopping già braccio destro di Galan al ministero delle Politiche agricole – la retribuzione sarebbe stata già ridotta da 150 a circa 50 mila euro.

(dal Corriere della Sera – 17 luglio 2014)

- Advertisment -

Articoli popolari

Fake news prima dell’era social: la stampa e la Guerra del Golfo del ’91

Il 17 gennaio 1991 scattava l'operazione militare "Tempesta nel Deserto" la più grande operazione militare Usa dalla Seconda guerra mondiale. Proprio il 17 gennaio...

Ecco l”ultimo “crimine” del generale Patton

da Barbadillo.it - del 18 marzo 2015 Vorrei denunciare un recente crimine di guerra, ancora una volta a...

Mosca: chiuso il ristorante-kebab dedicato a Stalin

Giuseppe D'Amato per "Il Messaggero" del 14 gennaio 2021 Hanno chiuso il fast food Stal'in, i nostalgici del vecchio regime...

Dalle Foibe all’Esodo. Il nuovo speciale di Storia in Rete in edicola e pdf

In edicola e in PDF è disponibile il nuovo speciale monografico di "Storia in Rete", dedicato alle questioni della frontiera orientale...