Home Ultime notizie Fine delle polemiche e inizio scavi per trovare Monna Lisa

Fine delle polemiche e inizio scavi per trovare Monna Lisa

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Sotto il pavimento dell’ex convento di Sant’Orsola, dove un tempo era collocato l’altare dell’antica chiesa, è emersa una cripta funeraria. Al centro della stessa chiesa sono stati invece rinvenuti i primi gradini di una scala che probabilmente porta ad una seconda cripta.

.

Da Firenze Today del 13 maggio 2011

.
Questi i primi risultati della ricerca dei resti della Monnalisa in atto nella chiesa dell’ex convento di Sant’Orsola, a Firenze, per trovare la sepoltura di Lisa Gherardini Del Giocondo, la donna morta nel 1542 a cui Leonardo si sarebbe ispirato per la Monna Lisa.
“Quanto emerso – afferma Silvano Vinceti, Presidente del Comitato Nazionale per la valorizzazione dei Beni Storici, Culturali e Ambientali che coordina la ricerca, patrocinata dalla Provincia di Firenze  – conferma l’esatta corrispondenza tra le indicazioni riportate dai testi storici e i risultati emersi durante le prime fasi di ricerca compiute con il georadar”

La cripta che è stata trovata probabilmente è quella che nel 1495 veniva indicata dalle monache come collocata sotto l’altare della chiesa alla quale si accedeva tramite una grata. Gli stessi testi indicano che successivamente, nel 1625, veniva utilizzata invece una seconda cripta collocata al centro della chiesa. Probabilmente le scale che abbiamo già individuato potrebbero portare proprio a questa seconda cripta più recente.
“Nei prossimi giorni – conclude Vinceti – entreremo nella fase più importante della ricerca, nel momento in cui verranno aperte le cripte per verificare l’eventuale presenza di resti umani”.

Accordo sulla riesumazione dei resti di Lisa Gherardini

Concluse le polemiche sulla riesumazione dei resti mortali di Lisa Gherardini, detta Monna Lisa. Secondo Silvano Vinceti, responsabile della ricerca, ”dopo un incontro avvenuto con una delle discendenti, la principessa Natalia Guicciardini Strozzi -che aveva espresso la sua contrarieta’ alla riesumazione della sua illustre antenata- si e’ raggiunto un pieno accordo nel merito della ricerca medesima”.

.

da Libero News del 4 maggio 2011 Libero-news.it

.

”Durante l’incontro – aggiunge Vinceti – in cui ho esposto dettagliatamente le ragioni e gli scopi della ricerca, sono stati superati fraintendimenti e reciproche incomprensioni. Fra i vari scopi, oltre a quelli storico- artistici, l’intento di poter recuperare i resti mortali di Lisa Gherardini e dargli una giusta sepoltura. Pienamente condiviso dalla Strozzi medesima”.

L’antenata della Gherardini, salvo impegni inderogabili, dovrebbe essere presente durante la fase iniziale degli scavi nel Convento di S. Orsola; i lavori inizieranno la prossima settimana.

________________

Inserito su www.storiainrete.com il 13 maggio 2011

- Advertisment -

Articoli popolari

Dittatura digitale: ecco come ci stiamo consegnando al mondo delle macchine (e a chi le controlla)

“I mass media soffocano la diversità. Tutto viene a scarseggiare, tranne i dieci libri, i dieci dischi più venduti, i film...

Chiese distrutte tra Francia, Belgio, Inghilterra e Cile

Nel giugno 2020 i lavori di riqualificazione di un collegio universitario a Lille, Alta Francia, raggiungevano oltralpe rilevanza nazionale: oggetto del...

Genocidio armeno: forum a cura di “Arsenale delle idee”, in diretta FB, lunedì 12 ore 19

Lunedì 12 aprile 2021, alle ore 19.00 sulla pagina Fb dell’ Arsenale delle idee il forum: “Armeni: il genocidio negato” a partire dal...

Armeni, il genocidio negato, su Storia in Rete n. 180, aprile 2021

Centinaia di migliaia di morti, forse quasi un milione e mezzo. Un'intera civiltà cancellata dalle terre dove viveva da tremila anni....