Home Stampa italiana 2 Il giorno dei vincitori del Premio Acqui Storia

Il giorno dei vincitori del Premio Acqui Storia

Sono i più attesi, ogni anno. Perché regalano un tocco mondano all’evento e per qualche ora, al teatro Ariston, ci si sente un po’ come alla Prima della Scala, tra autografi e scatti con il cellulare. Sono cinque i volti noti che il premio Acqui Storia – oggi, alle 17, la cerimonia – ha nominato Testimoni del Tempo 2016: i giornalisti Maurizio Molinari, direttore de La Stampa, e Maurizio Belpietro («La Verità»), il critico d’arte Vittorio Sgarbi e l’attrice Manuela Arcuri, che sarà, non c’è dubbio, la più fotografata. Giorgio Albertazzi, scomparso a maggio, non potrà essere sul palco ma a ritirare il premio sarà la moglie Pia de’ Tolomei.
di Daniele Prato da La Stampa del 15 ottobre 2016 
E non è un riconoscimento postumo, quello per il grande attore, visto che la comunicazione gli era stata data prima della morte. «Quando lo seppe, ci ringraziò. Lo definì il coronamento della sua carriera» ha ricordato più volte Carlo Sburlati, il gran cerimoniere dell’Acqui Storia che, oggi, taglia il traguardo delle 49 edizioni.
Il riconoscimento dedicato alle opere di stampo storico e storiografico, nato per volontà di Cino Chiodo, Piero Galliano, Ercole Tasca e Marcello Venturi in ricordo del massacro della Divisione Acqui a Cefalonia nel 1943, dal’84 ha introdotto il premio speciale Testimone del Tempo, dedicato a personalità della cultura e dello spettacolo «che abbiano contribuito a illustrare in modo significativo gli avvenimenti della storia e della società contemporanea». acqui-storia-incontro-con-gli-studenti-e-i-lettori-13
Così, in tanti anni, sono stati premiati personaggi di estrazione e caratteristiche diversissime. Si è andati da Norberto Bobbio a Mike Bongiorno, da Rita Levi Montalcini a Lorella Cuccarini, da Francesco Cossiga a Enrico Vanzina, da Lalla Romano a Claudia Cardinale.
Stavolta il premio va al direttore de La Stampa, Maurizio Molinari, per il suo ruolo di autorevole analista di politica internazionale, e al collega Maurizio Belpietro, che ha fondato e guida il nuovo quotidiano «La Verità». Con loro, premiati anche Vittorio Sgarbi, nelle sue tante sfaccettature di critico d’arte, opinionista, personaggio televisivo, e Manuela Arcuri, amata attrice, modella, presentatrice.
Infine il premio al grande Giorgio Albertazzi, uno dei più noti simboli del teatro e del cinema italiani.
Il riconoscimento sarà consegnato oggi, alle 17, al teatro Ariston, in una cerimonia condotta dai giornalisti Mauro Mazza e Antonia Varini, dove i protagonisti saranno anche i veri vincitori dell’Acqui Storia 2016, che con i loro volumi si sono aggiudicati il premio nella sezione storico divulgativa (Pierluigi Battista e Stenio Solinas), scientifica (Vladimiro Satta) e romanzo storico (Luigi De Pascalis).
acqui-storia-premiazioni-ariston-424Accanto a loro, Enrica Garzilli (la più votata dalla giuria dei lettori), Simona Colarizi (premio alla carriera), Alessandra Gigante e Fabio Andriola (premio La storia in tv). Sul palco salirà pure Yves De Gaulle, che presenterà il suo nuovo libro sul nonno Charles, dal titolo «Un autre regard sur mon grand-père Charles de Gaulle».

- Advertisment -

Articoli popolari

Dittatura digitale: ecco come ci stiamo consegnando al mondo delle macchine (e a chi le controlla)

“I mass media soffocano la diversità. Tutto viene a scarseggiare, tranne i dieci libri, i dieci dischi più venduti, i film...

Chiese distrutte tra Francia, Belgio, Inghilterra e Cile

Nel giugno 2020 i lavori di riqualificazione di un collegio universitario a Lille, Alta Francia, raggiungevano oltralpe rilevanza nazionale: oggetto del...

Genocidio armeno: forum a cura di “Arsenale delle idee”, in diretta FB, lunedì 12 ore 19

Lunedì 12 aprile 2021, alle ore 19.00 sulla pagina Fb dell’ Arsenale delle idee il forum: “Armeni: il genocidio negato” a partire dal...

Armeni, il genocidio negato, su Storia in Rete n. 180, aprile 2021

Centinaia di migliaia di morti, forse quasi un milione e mezzo. Un'intera civiltà cancellata dalle terre dove viveva da tremila anni....