Home Ultime notizie Incontro a Rimini sul Proclama agli Italiani di Murat

Incontro a Rimini sul Proclama agli Italiani di Murat

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)L’Associazione Mazziniana Italiana, sezione provinciale Rimini Marzo 1831, organizza sabato 27 novembre alle ore 16,30, presso la sala dell’Istituto musicale Lettimi in via cairoli 44, un incontro sul “PROCLAMA AGLI ITALIANI di GIOACCHINO MURAT”.

Per la prima volta proprio nella città dove fu emesso il 30 marzo 1815, si discute del famoso Proclama di Rimini, con cui per primo Gioacchino Murat pose le basi politiche dei successivi movimenti di indipendenza del popolo italiano nel corso di tutta l’epopea risorgimentale.

Sarà presente Antonella Feltrami, Assessore alla cultura del Comune di Rimini, e Fausto Faedi,

Presidente Associazione Mazziniana Regione EmiliaRomagna.

La conversazione sarà moderata da Pietro Caruso, direttore della Rivista “Il Pensiero Mazziniano” e presentata da Claudio  Masini, Presidente AMI Rimini Marzo 1831.

Il contesto storico verrà illustrato da Sergio d’Errico, direttore della Rivista “L’Albero”, a cui seguiranno gli interventi di Paolo Scisciani, Presidente dell’Associazione Tolentino 815, su “La Battaglia di Tolentino, la prima per l’indipendenza italiana” e Domenico Sorace e Giuseppe Pagnotta, Presidente Associazione Gioacchino Murat di Pizzo Calabro, su “Lo sbarco in Calabria”.

Gioacchino Murat esprime, nel contesto in cui operò, quello spirito di unità, indipendenza ed autodeterminazione dei popoli cui negli anni a seguire molti perseguitati  fecero riferimento sacrificando le loro vite per analoghe aspirazioni sia in Italia sia in altri territori d’Europa, anticipando quel grande sogno di un’unità europea che appartiene al nostro oggi.

Pertanto, nel ripercorrere le vicende del re Murat, italiano per condivisione di valori sovranazionali in quanto appartenenti alla dignità del popolo, è doveroso ritrovare oggi quelle motivazioni ed ideali così lungimiranti ed attuali.

E’ anche l’occasione per presentare l’ultima pubblicazione dell’Associazione Tolentino 815, a cura di Paolo Scisciani, che raccoglie Materiali e Documenti nel XV° anno di attività della stessa.

Il volume raccoglie tanti interventi e li ordina in quattro sezioni:

– La battaglia di Tolentino descritta da dieci autori diversi per offrire i vari punti di vista;

– I Proclami, tra cui quello di Rimini in grande evidenza, le Ordinanze e gli Inni che hanno fatto da contorno al fatto militare;

– La situazione della vita civile dell’epoca, attraverso indagini amministrative, manifesti, costumi, biografie e aneddoti;

– I progetti realizzati dell’Associazione Tolentino 815 e quelli da realizzare.

L’obiettivo è la creazione del Parco Storico Regionale delle Battaglie di Tolentino e Castelfidardo: unirsi per la salvaguardia e la gestione del patrimonio storico, architettonico, monumentale e paesaggistico legato alle due battaglie in un grande contenitore culturale ed istituzionale, garantendo sufficienti risorse e sinergie d’intenti per tramandare alle future generazioni la memoria storica, i cimeli ed il paesaggio che contribuirono all’unità nazionale; proprio nell’imminenza delle celebrazioni del 150° anniversario.

_____________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 25 novembre 2010

- Advertisment -

Articoli popolari

Dittatura digitale: ecco come ci stiamo consegnando al mondo delle macchine (e a chi le controlla)

“I mass media soffocano la diversità. Tutto viene a scarseggiare, tranne i dieci libri, i dieci dischi più venduti, i film...

Chiese distrutte tra Francia, Belgio, Inghilterra e Cile

Nel giugno 2020 i lavori di riqualificazione di un collegio universitario a Lille, Alta Francia, raggiungevano oltralpe rilevanza nazionale: oggetto del...

Genocidio armeno: forum a cura di “Arsenale delle idee”, in diretta FB, lunedì 12 ore 19

Lunedì 12 aprile 2021, alle ore 19.00 sulla pagina Fb dell’ Arsenale delle idee il forum: “Armeni: il genocidio negato” a partire dal...

Armeni, il genocidio negato, su Storia in Rete n. 180, aprile 2021

Centinaia di migliaia di morti, forse quasi un milione e mezzo. Un'intera civiltà cancellata dalle terre dove viveva da tremila anni....