Home Blog Irlanda senza pace: ora Londra sfrutta Heaney per celebrare l'occupazione dell'Ulster

Ideogrammi

Irlanda senza pace: ora Londra sfrutta Heaney per celebrare l’occupazione dell’Ulster

Ironia della sorte, dopo esattamente un secolo dalla nascita della Repubblica d’Irlanda, istituita il 6 dicembre 1921 con la firma apposta sul Trattato anglo-irlandese, la Brexit ripropone, irrisolti, gli eterni problemi dovuti all’artificiale divisione dell’isola verde tra Éire e Ulster. Mal digerita dagli Irlandesi, la divisione fu un compromesso necessario a chiudere la sanguinosa guerra civile che aveva lacerato il Paese nei due anni precedenti: l’Impero britannico così annesse al Regno Unito la provincia dell’Ulster, ovvero la zona industrializzata a maggioranza protestante, inventandosi, a seguito della divisione arbitraria, lo stato dell’Irlanda del Nord.

Quella che doveva essere una soluzione temporanea divenne definitiva, e, come molte divisioni adottate dai britannici, vedi Medio Oriente e Indie, ebbe conseguenze disastrose: vedi la guerra (non sempre) civile che da allora si è combattuta soprattutto, ma non solo, sul territorio irlandese,  e che sembra essere sospesa dal 1998, con la tregua seguita agli accordi cosiddetti “del Venerdì Santo”.

 La “questione irlandese”, però, è tutt’altro che chiusa, e si è orgogliosamente, e per ora pacificamente, riaccesa pochi anni fa, con le sontuose celebrazioni per il centenario della Pasqua di sangue, celebrata da W.B.Yeats nella celeberrima Easter 1916 e raccontata in un libro scritto da Mario Borsa, La tragica impresa di Sir Roger Casement (1916) di prossima pubblicazione presso Iduna.

Il centenario della creazione dell’Irlanda del Nord avrebbe quindi dovuto, nelle intenzioni delle autorità britanniche, bilanciare quel tragico anniversario, celebrando, invece di una sanguinosa rivolta, la nascita di un nuovo stato.

Purtroppo, come spesso accade, la “perfida Albione” ha peccato di alterigia, e ha organizzato la ricorrenza senza preoccuparsi di coinvolgere la maggioranza cattolica degli irlandesi, con un risultato molto imbarazzante; ha infatti scelto, come testimonial del centenario, il premio Nobel per la Letteratura (1995) Seamus Heaney (1939-2013), dimenticando però di chiedere il permesso ai suoi famigliari, e soprattutto senza curarsi del fatto che il Poeta, oltre che avere salde radici cattoliche, non ha mai nascosto il suo fervido nazionalismo irlandese e il suo disprezzo per l’occupazione britannica dell’Ulster.

Come ha ricordato “The Irish Times” dello scorso 19 dicembre, infatti, nel 1983 Heaney lamentò di essere stato incluso  in una antologia di poeti britannici, enunciando dei versi molto chiari:

“Be advised, my passport’s green

No glass of ours was ever raised

To toast the Queen”

(Vi ho avvertito, il mio passaporto è verde/ Neanche uno dei nostri bicchieri è stato mai alzato/ per brindare alla Regina)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

DALLO STESSO AUTORE

Tutto esaurito per la riapertura del Mausoleo di Augusto a Roma

Laura Larcan per “Il Messaggero” del 1° marzo 2021 Il countdown è agli sgoccioli. Oggi apre le porte...

Mosca: la Lubjanka cambia. Ma come? Puntando sul boia della Nkvd o sul passato degli zar?

Paolo Valentino per il “Corriere della Sera” del 26 febbraio 2021 Il 23 agosto 1991, sulla Piazza della Lubjanka...

Goli Otok, il lager di Tito che dovrebbe imbarazzare gli eredi del PCI

Come ormai tutti sappiamo quest'anno ricorre il centenario della nascita del Partito Comunista d'Italia. I comunisti in generale, quelli italiani in...