Home Ultime notizie Italia 150: anche Napoleone III ricordato come "amico d'Italia"

Italia 150: anche Napoleone III ricordato come “amico d’Italia”

Sul cammino celebrativo del 2011 a Torino si punta a ricordare la figura di Napoleone III, imperatore di Francia, “amico” dell’unificazione dell’Italia. Al centro dell’attenzione “Solferino e San Martino: la battaglia degli imperatori” ricordata in un convegno in programma il 19-20 novembre al Centro Congressi della Regione PIemonte, nel capoluogo piemontese. Due giorni organizzati dall’Associazione Europiemonte con l’Ambasciata francese e il contributo della Regione Piemonte. “Solferino e San Martino” furono le piu’ grandi battaglie dell’800 dopo Lipsia, avvenute nella medesima giornata su un fronte di 15 chilometri e durate in tutto 14 ore. Vi presero parte 230.000 soldati dei quali, secondo la storia, 39.000 rimasero fuori combattimento. A fronteggiarsi gli eserciti degli imperatori Napoleone III e Francesco Giuseppe d’Asburgo e per questo “Solferino e San martino” vennero definite le battaglie degli imperatori. Il convegno intende percorrere gli eventi di un periodo in cui la Francia era un Paese che appoggiava la nascita dell’unita’ d’Italia.

__________________________

inserito su www.storiainrete.com il 14 novembre 2009

- Advertisment -

Articoli popolari

Dittatura digitale: ecco come ci stiamo consegnando al mondo delle macchine (e a chi le controlla)

“I mass media soffocano la diversità. Tutto viene a scarseggiare, tranne i dieci libri, i dieci dischi più venduti, i film...

Chiese distrutte tra Francia, Belgio, Inghilterra e Cile

Nel giugno 2020 i lavori di riqualificazione di un collegio universitario a Lille, Alta Francia, raggiungevano oltralpe rilevanza nazionale: oggetto del...

Genocidio armeno: forum a cura di “Arsenale delle idee”, in diretta FB, lunedì 12 ore 19

Lunedì 12 aprile 2021, alle ore 19.00 sulla pagina Fb dell’ Arsenale delle idee il forum: “Armeni: il genocidio negato” a partire dal...

Armeni, il genocidio negato, su Storia in Rete n. 180, aprile 2021

Centinaia di migliaia di morti, forse quasi un milione e mezzo. Un'intera civiltà cancellata dalle terre dove viveva da tremila anni....