Home Stampa italiana 2 Berlino sfratta Marx e Engels "Via le statue dal centro della città"

Berlino sfratta Marx e Engels “Via le statue dal centro della città”

E’ guerra sulla futura posizione delle statue di bronzo che ritraggono i padri del comunismo Marx ed Engels a Berlino. Il ministro per le costruzioni Peter Ramsauer, dell’Unione cristiano-sociale (Csu), ha chiesto che il monumento creato dallo scultore Ludwig Engelhardt e inaugurato nel 1986 dall’allora leader comunista Erich Honecker, sia allontanato dal centro della capitale tedesca e sistemato al cimitero dei socialisti a Fridrichsfelde, alla periferia est della città. Ma Berlino non ci sta.

.

da “La Stampa” del 18 gennaio 2012

.

«Si tratta di un monumento storico e appartiene alla storia di Berlino – ha replicato tramite la sua portavoce il senatore per lo sviluppo urbano di Berlino Michael Mueller (Spd) – nessuno vuole mandarlo via e nemmeno al cimitero di Fridrichsfelde». La risposta era diretta a Ramsauer, secondo il quale le statue dei due celebri filosofi teorici del marxismo apparterrebbero al camposanto, ritenuto una sorta di «centro di riposo per le arti del socialismo». Ramsauer ha colto l’opportunità offertagli dalla ricostruzione del Castello (sul progetto dell’italiano Franco Stella) come Humboldt forum, un edificio che ospiterà strutture museali (Museo etnologico, Museo di Arte Asiatica, Biblioteca centrale e regionale di Berlino) e la Humboldt Universitaet. «La proposta di spostare il monumento di Marx ed Engels a Friedrichsfelde è tanto sorprendente quanto dimostra di dimenticare la storia» ha attaccato il senatore socialdemocratico, secondo il quale Berlino è una metropoli aperta e il Castello starà benissimo accanto al monumento.

Le due statue sono state spostate nel settembre 2010, per far posto ai lavori della nuova linea metropolitana U55. Il Castello, secondo le previsioni e per mancanza di fondi, sarà inaugurato non prima del 2019. Bisognerà tuttavia aspettare la fine dei lavori prima di sapere dove Marx ed Engels saranno «reintegrati» nella nuova mega-struttura.

____________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 23 gennaio 2012

- Advertisment -

Articoli popolari

Dittatura digitale: ecco come ci stiamo consegnando al mondo delle macchine (e a chi le controlla)

“I mass media soffocano la diversità. Tutto viene a scarseggiare, tranne i dieci libri, i dieci dischi più venduti, i film...

Chiese distrutte tra Francia, Belgio, Inghilterra e Cile

Nel giugno 2020 i lavori di riqualificazione di un collegio universitario a Lille, Alta Francia, raggiungevano oltralpe rilevanza nazionale: oggetto del...

Genocidio armeno: forum a cura di “Arsenale delle idee”, in diretta FB, lunedì 12 ore 19

Lunedì 12 aprile 2021, alle ore 19.00 sulla pagina Fb dell’ Arsenale delle idee il forum: “Armeni: il genocidio negato” a partire dal...

Armeni, il genocidio negato, su Storia in Rete n. 180, aprile 2021

Centinaia di migliaia di morti, forse quasi un milione e mezzo. Un'intera civiltà cancellata dalle terre dove viveva da tremila anni....