Home Rinascimento La Gioconda? Erano due. E l'altra era nuda

La Gioconda? Erano due. E l’altra era nuda

L’enigma della vera identità della Gioconda continua a turbare i sonni di storici dell’arte, scienziati e semplici appassionati. L’ultima ipotesi in ordine di tempo è stata formulata dall’ esperto di , già autore di studi sulla controversa opera di Leonardo, nel saggio «Il velo della Gioconda. Leonardo segreto».

.

da Blitz Quotidiano

.

Secondo Manetti, Leonardo ritrasse due versioni della Gioconda, una delle quali appariva nuda e sarebbe andata scomparsa. I due ritratti di avrebbero dovuto costituire un dittico dedicato a Venere.

«Anche se il dipinto è andato perduto», spiega Manetti, «esistono almeno una decina tra riproduzioni e opere di analogo soggetto, eseguite da allievi e discepoli, che ci permettono di ricostruire l’originale». In effetti un dipinto – straordinariamente somigliante all’originale – come la Monna Vanna del Salaino, allievo di Leonardo, dai rilievi spettrografici risulta realizzato a quattro mani, con il contributo decisivo del genio fiorentino.

Il dipinto andato perduto – sempre secondo Manetti – appartiene al periodo romano di Leonardo: quegli anni furono segnati dagli studi esoterici ispirati alla filosofia neo-platonica.  Rappresenterebbero quindi, secondo quella dottrina, l’aspetto duale della divinità, quella «celeste» e quella «volgare», a loro volta simboli di due diversi aspetti dell’anima umana.

___________________________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 16 novembre 2009

- Advertisment -

Articoli popolari

Cofrancesco: sulla Storia del ‘900 è gara a chi la spara più grossa…

di Dino Cofrancesco dal Huffington Post del 30 gennaio 2021 Il dovere della memoria nel nostro paese ―...

Cancel culture a San Francisco: il nome di Lincoln resta per evitare una causa

Il direttivo del distretto scolastico di San Francisco il 5 aprile scorso ha votato all'unanimità per annullare la decisione presa a...

Putsch in the USA

Forse non tutti sanno che anche gli U.S.A., negli anni Trenta, hanno rischiato di finire sotto una dittatura militare. La storia...

5 Maggio 1936, Badoglio entra vittorioso in Addis Abeba. L’Etiopia agli occhi dell’Europa di allora

Addis Abeba, 5 Maggio 1936 - Ottantacinque anni fa il Maresciallo Badoglio, “alle ore 16, alla testa delle truppe vittoriose”, entrava in Addis...