Home Medio Evo La Grande Invasione. L'Ungheria e i Mongoli, sabato 26 settembre

La Grande Invasione. L’Ungheria e i Mongoli, sabato 26 settembre

Crisi, lotta per sopravvivere e rinascita di un grande Regno medievale nel saggio di Jennifer Radulovic: un’avvincente storia balcanica nello scenario del Duecento animato dalla lotta tra Federico II e il Papa, tra Francia e Inghilterra, tra Teutonici e Russi e tra Repubbliche marinare italiane, mentre la Terrasanta assiste al tramonto delle Crociate.

Una marea di stranieri alle porte dell’Ungheria, un problema di integrazione di nomadi, la diffusa indifferenza del resto d’Europa, mentre il Medio Oriente è in fiamme. Potrebbe suonare come cronaca contemporanea, ma – fatte le dovute e ampie distinzioni – era la situazione di quel Paese e del continente quasi 800 anni fa, nel Duecento.

L’arrivo dei Mongoli nell’Ungheria e nell’Est europeo, che segnò un momento fondamentale della storia dell’Ungheria e non solo, è al centro del libro “LA GRANDE INVASIONE″ (Res Gestae, 2015) che l’autrice Jennifer Radulović presenterà Sabato 26 settembre alle ore 17.00, presso l’ Àncora Store di via Ludovico Pavoni 12 [MM3 Maciachini].

Nel trentennio successivo alla morte di Gengis Khan, le incursioni e le conquiste mongole giunsero fino alla Siria e all’Adriatico, su cui si affacciava il Regno d’Ungheria, che nel XIII secolo affrontava la difficile integrazione dei nomadi Cumani e i conflitti dinastici e aristocratici interni quando fu attaccato dalla marea asiatica che aveva già travolto Russia e Polonia.

grande_invasione_2015

Il pubblico, attraverso la narrazione della medievista Radulović, seguirà quelle drammatiche vicende balcaniche inserite nel più vasto scenario internazionale; la “grande invasione” lasciò quasi indifferenti le potenze europee, impegnate in altri conflitti: l’imperatore Federico II contro il Papato, la Francia contro l’Inghilterra e gli ultimi Catari ribelli, i Cavalieri Teutonici contro il principe russo Aleksandr Nevskij, Genova contro Pisa e Venezia. Intanto, persa Gerusalemme, i regni crociati in Palestina e in Siria volgevano al sanguinoso tramonto.

#MedioevoQuanteStorie

Jennifer Radulović (Milano 1978), storica medievista e archivista, è esperta di storia dell’Europa centrale e orientale e di grandi battaglie in campo aperto. Ha recentemente curato l’edizione del Carmen Miserabile di Ruggero Apulo (Genova, 2013) e ha pubblicato il saggio “Federico Barbarossa e la battaglia di Monte Porzio Catone″ (Jouvence, 2014. Introduzione di Franco Cardini).

Associazione Culturale Italia Medievale

info@italiamedievale.org
www.italiamedievale.org

- Advertisment -

Articoli popolari

Italia-Francia 1940: la verità dietro la “pugnalata”

Nell’ottantesimo anniversario dell’ingresso dell’Italia nella Seconda guerra mondiale, ci attende la solita caterva di banalità sull’impreparazione italiana, e nel caso specifico,...

2003: il mondo in guerra grazie alle fake news di GB e Usa

Un bel film - in programmazione su Sky e Infinity tra gli altri - uscito subito prima della Pandemia e quindi...

Affari segreti all’ombra della Guerra Fredda Usa-Urss (inclusa l’Italia con Pci e Fiat)

L'editore Iduna ha ripubblicato un saggio sorprendente che apre uno scorcio inatteso sui retrosceni dei rapporti Est-Ovest nella seconda parte del...

Irlanda senza pace: ora Londra sfrutta Heaney per celebrare l’occupazione dell’Ulster

Ironia della sorte, dopo esattamente un secolo dalla nascita della Repubblica d’Irlanda, istituita il 6 dicembre 1921 con la firma apposta...