Home Blog La romanizzazione delle colonie in epoca fascista

Italia coloniale

La romanizzazione delle colonie in epoca fascista

Il destino di Roma? Civilizzare e pacificare le nazioni. Ma perché in epoca fascista si usava spesso il vocabolo “romanamente”?
Semplicemente perché molte delle opere e azioni del Ventennio si ispiravano direttamente all’antica Roma, cioè venivano fatte alla “maniera romana”. Esempi sono il noto “saluto romano” e il “passo romano” introdotto ne 1938.
Così come per i romani colonizzare una nuova regione significava “romanizzarla” così era negli intenti del fascismo, in particolar modo nelle colonie. Per i romani la romanizzazione dell’impero è sempre stato considerato un processo di civilizzazione: governare e pacificare le nazioni era il destino di Roma, esercitando la clementia verso i sottomessi, ma reagendo con forza contro chi si ribellava: “tu regere imperio populos, Romane, memento (hae tibi erunt artes) pacique imponere morem, parcere subiectis et debellare superbos, «tu, Romano, ricorda di dominare i popoli (questa sarà la tua arte) e fissare regole alla pace, di risparmiare i sottomessi e debellare i superbi» (Virgilio, Eneide VI 851-853).
Il parallelismo con il colonialismo italiano è chiaro e anche perfettamente in linea con il pensiero positivista di Auguste Comte enunciato nel “Discours esprit positif” del 1844.
Romanizzare un territorio comportava visibili e duraturi cambiamenti, determinati innanzitutto dalla costruzione di un’estesa rete stradale dotata di stazioni di posta, per raccordare tra loro le principali città consentendo il rapido spostamento delle truppe e delle merci. 
Contemporaneamente alla conquista venivano bonificati i terreni paludosi e vaste aree di campagna venivano divise in lotti di uguale forma ed estensione, le centuriae, e date ai legionari affinché le coltivassero. I limiti regolari di questi terreni sono spesso ancora parzialmente individuabili o riscontrabili nelle attuali suddivisioni amministrative.
Era proprio Benito Mussolini che diceva: “Voi dovete armonizzare il combattente col lavoratore, il soldato con il colonizzatore. I legionari romani dopo aver conquistato le colonie, deponevano la daga, aprivano le strade dissodavano il terreno”.
I confini dell’agro, come per gli altri territori amministrati dai romani, coincidevano per lo più con elementi geografici naturali quali i corsi d’acqua che solcano la pianura, i laghi e i crinali dei monti delle vallate alpine. Nel territorio romanizzato venivano anche costruiti acquedotti che rifornivano di acqua potabile gli insediamenti e reti di canali per le irrigazioni.
I vasti latifundia venivano poi coltivati da vecchi soldati nelle proprie fattorie con la manodopera di liberti e coloni.
Così come avvenne, per esempio in Somalia, dove le concessioni agricole di Genale sorsero lungo il fiume Uebi Scebeli in un terreno in pendenza per una più agevole irrigazione attraverso i canali, e il Villaggio Duca degli Abruzzi lungo il fiume Giuba.
Faceva anche parte della romanizzazione, e delle colonizzazione italiana, la sostituzione delle antiche leggi tribali col diritto romano e con l’istituzione del diritto di proprietà.

Nella foto l’arco di Trionfo a Mogadiscio (ancora oggi esistente e resturato) eretto nel 1928 in onore della visita del Principe Umberto di Savoia e a lui dedicato “Romanamente”. Inoltre si possono vedere a poca distanza l’una dall’altra la Cattedrale di Mogadiscio (saccheggiata nel 1991, distrutta nel 2008) e la moschea.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

DALLO STESSO AUTORE

DNA di una donna vissuta 7mila anni fa sbalordisce gli scienziati

Lo studio del materiale genetico ricavato dallo scheletro rinvenuto dagli archeologi indonesiani nella grotta di Leang Panninge nel Sulawesi meridionale, e appartenuto...

Nella Libia coloniale il medico scolastico per la prevenzione delle epidemie

Dal 1922 con l’avvento del governo fascista la politica coloniale si fece più incisiva per affermare e tutelare la sovranità dello...

Francia: ristampato Mein Kampf a 100 € (e il libro va a ruba)

La casa editrice Fayard ha pubblicato una versione critica del manifesto del nazismo che ha venduto 10mila copie in poco tempo. Il...