Home In primo piano La tragedia dimenticata degli italiani di Crimea deportati

La tragedia dimenticata degli italiani di Crimea deportati

Il 29 gennaio del 1942, mentre le truppe nazifasciste tentavano di conquistare l’attuale Ucraina, su ordine di Joseph Stalin iniziò la deportazione degli italiani di Crimea. Circa quattromila persone furono caricate sui carri bestiame e trasferite nei campi di lavoro dell’Asia centrale. La maggior parte morì ancora prima di arrivare a destinazione, altri perirono sotto i lavori forzati. Solo un minima parte riuscì a salvarsi. Oggi in Crimea vivono circa 300 tra deportati e loro discendenti. A differenza delle altre minoranze che abitavano nella regione e subirono la stessa sorte, agli italiani non è stato riconosciuto lo status di deportati, né è stata restituita la cittadinanza del paese d’origine.

.

dal “Corriere della Sera” del 27 gennaio 2012 Logo di Corriere della SeraCorriere.itCorriere TV

___________________________

VUOI SAPERNE DI PIU’?

Giulia Giacchetti Boiko – Giulio Vignoli, L’olocausto sconosciuto. Lo sterminio degli Italiani di Crimea, Edizioni Settimo Sigillo, Roma, 2008

ORDINABILE ATTRAVERSO  LA LIBRERIA VIRTUALE DI STORIA IN RETE

90 pagine, 13 euro

____________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 27 gennaio 2012

- Advertisment -

Articoli popolari

Ecco l”ultimo “crimine” del generale Patton

da Barbadillo.it - del 18 marzo 2015 Vorrei denunciare un recente crimine di guerra, ancora una volta a...

Mosca: chiuso il ristorante-kebab dedicato a Stalin

Giuseppe D'Amato per "Il Messaggero" del 14 gennaio 2021 Hanno chiuso il fast food Stal'in, i nostalgici del vecchio regime...

A proposito di Ezra Pound e della sua prigionia (che non fu a Coltano)

Ciclicamente, col passare delle stagioni e con la scomparsa dei sedicenti testimoni oculari, riaffiora, su carta stampata o sul web, la...

E’ sempre stato il Partito socialista il grande problema del PCI

Ho una grande stima di Luciano Canfora come studioso di filologia classica e di storia antica, ma molte volte il Nostro...