Home Stampa italiana 1 Lettonia: raccolta firme per smantellare monumento ai soldati sovietici

Lettonia: raccolta firme per smantellare monumento ai soldati sovietici

Sul portale delle iniziative pubbliche in Lettonia è iniziata la raccolta firme per lo smantellamento del monumento ai liberatori di Riga dagli invasori nazisti, si legge sul sito web. La raccolta firme è stata proposta da Ugis Polis. A detta sua il monumento è stato inaugurato nel 1985 quando la Lettonia era parte dell’URSS.

Secondo lui il monumento non è più un luogo per la memoria dei veterani sovietici, ma è diventato luogo per “l’evento politico del 9 maggio”. Allo stesso tempo, egli afferma senza fornire prove che esso sia sponsorizzato dal Cremlino. Polis definisce il monumento della vittoria “un simbolo di tutte le atrocità” che il governo sovietico ha presumibilmente commesso in Lettonia. Polis ritiene che il monumento dovrebbe essere smantellato con i fondi pubblici o con il coinvolgimento delle forze armate nazionali.

Ha ricordato che qualche tempo fa un’iniziativa simile per smantellare il monumento della vittoria è stata respinta dalla commissione del parlamento, poiché c’è un accordo tra Lettonia e Russia per la reciproca conservazione di edifici commemorativi e luoghi di seppellimenti in massa. Polis ha dichiarato che la sua iniziativa prevede modifiche di questo articolo del trattato. È motivato dal fatto che presumibilmente la Russia unilateralmente “scioglie, ignora e non rispetta gli accordi internazionali” negli ultimi anni, così anche la Lettonia può farlo.

Se l’iniziativa raccoglierà 10 000 firme dei cittadini della Lettonia, allora il parlamento dovrà prenderla in considerazione.

- Advertisment -

Articoli popolari

Sondaggio choc: Mussolini? E’ stato re d’Italia ed è morto in Russia…

da AGR Online - 28 novembre 2020 Nei recenti concorsi delle amministrazioni pubbliche balzati alle cronache per gli...

San Michele, il più pagano dei santi cristiani

San Michele Arcangelo, una figura archetipica che attraversa tutta la storia e le culture dell'Europa, sotto tanti nomi.

Il mistero delle troppe firme sotto il Manifesto della Razza del 1938

di Cesare Maffi - da Italia Oggi del 27 novembre 2020 Svelata un'incredibile bufala storica, che da decenni...

Bombe sull’Italia: una memoria da recuperare

Un pugno di uomini – non molti ma neanche pochissimi – chiusi in qualche ufficio ben protetto, con statistiche, grafici, relazioni...