Home In primo piano Ma in che mani siamo? L'inglese avanza a scuola

Ma in che mani siamo? L’inglese avanza a scuola

Non bastavano i fulmini di guerra della nostra Marina Militare che usano slogan inglesi per invitare all’arruolamento. Adesso l’attacco all’italiano arriva da chi dovrebbe per primo difenderlo e promuoverlo visto che a scuola sono sempre più i bambini arrivati da altre nazioni. E invece il ministro dell’Istruzione Giannini propugna l’inserimento dell’inglese già alle elementari non come seconda lingua da apprendere ma come lingua da usare per insegnare almeno una materia (tanto per cominciare). Ad esempio la scienza. Sebastiano Vassalli ne ha tratto spunto per un commento che vi inviamo a leggere e commentare. (Sir)

Confesso di avere letto con un certo disagio l’intervista di Gianna Fregonara al ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini («Corriere», 30 gennaio). Alle elementari si studierà una materia in inglese, dice il titolo; e il ministro, nel testo, spiega: «Per esempio scienze». Dunque, la lingua di Galilei, di Volta, di Marconi, di Fermi può essere vantaggiosamente sostituita già nelle elementari.

di Sebastiano Vassalli dal Corriere della Sera del 10 febbraio 2015

Che fosse del tutto inadeguata alle sottigliezze fisiche e metafisiche delle moderne tecnologie ce lo avevano già spiegato il rettore e i professori del Politecnico di Milano. Come italiani, sapevamo di avere delle difficoltà con le lingue più parlate nel mondo, e credevamo che la colpa fosse di un sistema scolastico antiquato e un po’ troppo «antichizzato». Ma pensavamo anche che la nostra cultura, e la lingua che ne è la struttura portante, fossero una buona base per migliorarlo. Ci consolavamo pensando che nonostante tutto abbiamo avuto e abbiamo grandi architetti, grandi ingegneri, importanti scienziati. Ci illudevamo. Se l’errore, come ormai ci viene suggerito da tante parti, è proprio nella lingua, più adatta alle poesie che alle scienze, a che servono le mezze misure? Non ci metteremo al passo col mondo autodegradandoci a Paese ex coloniale. Occorrono misure più coraggiose, passi più lunghi. Abbiamo cambiato la moneta, possiamo cambiare la lingua. Dopo i nativi digitali, avremo i nativi anglofoni. Come diceva il presidente Mao Zedong: il cammino è tortuoso, ma l’avvenire è radioso.

- Advertisment -

Articoli popolari

La bufala delle accise sulla benzina per la guerra d’Etiopia

La vecchia storia secondo cui in Italia si paghi ancora oggi l’accisa sulla benzina per finanziare la guerra d’Etiopia del 1935-36...

Colonialismo “green”. Nella Somalia italiana del 1929 il primo veicolo ibrido. Risparmi del 90%

Il postulato del programma dell’autarchia fascista per ridurre al minimo le importazioni valeva naturalmente anche per le Colonie. Le ricerche perciò...

Usa: verità sul razzismo, ma l’antirazzismo è ideologico

In un discorso tenuto a Tulsa, Oklahoma, il presidente Joe Biden ha ricordato il massacro dei neri avvenuto 100 anni fa. Ha promesso...

Contro i paragoni storici e a proposito delle debolezze della Repubblica

Da tempo sogno una legge impossibile: sarebbe una norma semplice, di un solo articolo e di facile applicazione perché il reato...