Home Storia Antica Anzio dedica statua a Nerone: «Con lui pace e splendore»

Anzio dedica statua a Nerone: «Con lui pace e splendore»

I natali di Nerone nel 37 dopo Cristo e lo sbarco alleato del 1944: sono i due aspetti che maggiormente caratterizzano la città di Anzio ( Roma). E per celebrare le peculiarità cittadine si comincia dal classico: stamattina, la comunità anziate ha riallacciato i fili con la storia antica inaugurando un monumento bronzeo dedicato al più controverso imperatore della storia romana.

.

Michele Marangon da il “Corriere della sera” del 28 giugno 2010 Il Corriere della Sera

.

«Probabilmente è l’unico monumento al mondo – afferma il primo cittadino Luciano Bruschini, –  dedicato all’Imperatore Nerone, nostro concittadino. Non a caso abbiamo posizionato la statua davanti all’antico porto neroniano e nelle immediate vicinanze del Parco Archeologico della Villa di Nerone. Infatti diverse vicende della vita dell’Imperatore Nerone sono legate al luogo natale, sede di una residenza imperiale che, nei secoli, ha assunto le dimensioni monumentali che tuttora ammiriamo nell’area tra il faro, il Porto Neroniano e l’Arco Muto».

La motivazione del monumento dedicato a Nerone, scolpita ai piedi della statua posizionata nei giardinetti sulla Riviera Mallozzi, recita testualmente: «Nerone Claudio Cesare Augusto Germanico, nato ad Anzio il 15/12/37 d.C. con il  nome di Lucio Domizio Enobarbo, figlio di Gneo Domizio Enobarbo e di Agrippina Minore, sorella dell’imperatore Caligola. Nel 54 d.C. divenne imperatore per acclamazione dei pretoriani. Durante il suo principato l’impero conobbe un periodo di pace, di grande splendore e di importanti riforme. Morì il 9/06/68 d.C.».

Nell’immaginario collettivo, oltre ad essere considerato persecutore dei cristiani, Nerone se ne sta a suonare la lira mentre Roma brucia sotto i suoi occhi. Ma la sua riproduzione artistica non poteva – per carità – essere questa. Anzi, il monumento bronzeo dello scultore Valenti, oltre a riportare Nerone idealmente a casa, ripara alla damnatio memoriae che accompagna la figura dell’imperatore morto all’età di 32 anni. «A distanza di venti secoli – dice ancora il sindaco – finalmente gli storici seri stanno rivalutando la figura di Nerone: un grande Imperatore, amato dal suo popolo, per le sue coraggiose riforme sociali e per il lungo periodo di pace che ha caratterizzato il suo principato che con questo monumento contribuiamo a ricordare come merita, superando ridicole ricostruzioni storiche e cinematografiche».

_______________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 27 luglio 2010

- Advertisment -

Articoli popolari

Dittatura digitale: ecco come ci stiamo consegnando al mondo delle macchine (e a chi le controlla)

“I mass media soffocano la diversità. Tutto viene a scarseggiare, tranne i dieci libri, i dieci dischi più venduti, i film...

Chiese distrutte tra Francia, Belgio, Inghilterra e Cile

Nel giugno 2020 i lavori di riqualificazione di un collegio universitario a Lille, Alta Francia, raggiungevano oltralpe rilevanza nazionale: oggetto del...

Genocidio armeno: forum a cura di “Arsenale delle idee”, in diretta FB, lunedì 12 ore 19

Lunedì 12 aprile 2021, alle ore 19.00 sulla pagina Fb dell’ Arsenale delle idee il forum: “Armeni: il genocidio negato” a partire dal...

Armeni, il genocidio negato, su Storia in Rete n. 180, aprile 2021

Centinaia di migliaia di morti, forse quasi un milione e mezzo. Un'intera civiltà cancellata dalle terre dove viveva da tremila anni....