Home Ultime notizie Nessun risarcimento per i lavoratori forzati tedeschi post-1945

Nessun risarcimento per i lavoratori forzati tedeschi post-1945

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Il ministro degli Interni tedesco Hans-Peter Friedrich ha rifiutato alla Lega dei Rifugiati (BdV) – l’associazione tedesca che raduna i milioni di profughi causati dalla sconfitta del Reich nella Seconda guerra mondiale – un risarcimento per il lavoro forzato imposto dalle nazioni vincitrici.
Dopo la guerra infatti centinaia di migliaia di tedeschi furono obbligati a servire come lavoratori forzati nelle nazioni confinanti con la Germania in riparazione dei danni prodotti dalla guerra. Secondo la presidentessa della BdV Erika Steinbach sarebbero oltre 100 mila i cittadini tedeschi che avrebbero diritto ad un risarcimento di almeno 5000 euro a testa per questo sfruttamento.
Il rifiuto del ministro degli Interni è stato motivato in una lettera alla Steinbach, nella quale è scritto che “ciò che è accaduto dopo la guerra è stato semplicemente il destino e non può essere compensato”, ha riportato il giornale “Bild am Sonntag”.
Nel 2003 il partito democristiano tedesco aveva avanzato una proposta di legge per il risarcimento dei lavoratori forzati tedeschi, ma l’allora maggioranza social-ambientalista votò contro. Sembra che l’attuale capogruppo democristiano Volker Kauder sia intenzionato a ripresentare il progetto di legge nei prossimi mesi.

Il ministro degli Interni tedesco Hans-Peter Friedrich ha rifiutato alla Lega dei Rifugiati (BdV) – l’associazione tedesca che raduna i milioni di profughi causati dalla sconfitta del Reich nella Seconda guerra mondiale – un risarcimento per il lavoro forzato imposto dalle nazioni vincitrici.
Dopo la guerra infatti centinaia di migliaia di tedeschi furono obbligati a servire come lavoratori forzati nelle nazioni confinanti con la Germania in riparazione dei danni prodotti dalla guerra. Secondo la presidentessa della BdV Erika Steinbach sarebbero oltre 100 mila i cittadini tedeschi che avrebbero diritto ad un risarcimento di almeno 5000 euro a testa per questo sfruttamento.
Il rifiuto del ministro degli Interni è stato motivato in una lettera alla Steinbach, nella quale è scritto che “ciò che è accaduto dopo la guerra è stato semplicemente il destino e non può essere compensato”, ha riportato il giornale “Bild am Sonntag”.
Nel 2003 il partito democristiano tedesco aveva avanzato una proposta di legge per il risarcimento dei lavoratori forzati tedeschi, ma l’allora maggioranza social-ambientalista votò contro. Sembra che l’attuale capogruppo democristiano Volker Kauder sia intenzionato a ripresentare il progetto di legge nei prossimi mesi.

- Advertisment -

Articoli popolari

Dittatura digitale: ecco come ci stiamo consegnando al mondo delle macchine (e a chi le controlla)

“I mass media soffocano la diversità. Tutto viene a scarseggiare, tranne i dieci libri, i dieci dischi più venduti, i film...

Chiese distrutte tra Francia, Belgio, Inghilterra e Cile

Nel giugno 2020 i lavori di riqualificazione di un collegio universitario a Lille, Alta Francia, raggiungevano oltralpe rilevanza nazionale: oggetto del...

Genocidio armeno: forum a cura di “Arsenale delle idee”, in diretta FB, lunedì 12 ore 19

Lunedì 12 aprile 2021, alle ore 19.00 sulla pagina Fb dell’ Arsenale delle idee il forum: “Armeni: il genocidio negato” a partire dal...

Armeni, il genocidio negato, su Storia in Rete n. 180, aprile 2021

Centinaia di migliaia di morti, forse quasi un milione e mezzo. Un'intera civiltà cancellata dalle terre dove viveva da tremila anni....