Home Stampa italiana 1 Non dimentichiamo la lezione delle invasioni barbariche

Non dimentichiamo la lezione delle invasioni barbariche

Ogni giorno dalle coste della Libia e della Turchia arrivano in Europa migliaia di persone che fuggono da paesi in guerra e da zone conquistate da bande fanatiche. Non è un fenomeno nuovo.

Francesco Alberoni dal Giornale del 20/12/2015 il Giornale, ultime notizie

Vuoi saperne di più? Leggi Storia in Rete n. 120!!

Per secoli i bellicosi nomadi dell’Asia centrale hanno massacrato i loro vicini che, per salvarsi, fuggivano verso Occidente. È cosi che sono state messe in moto le invasioni barbariche. Farò un solo esempio. A nord del Danubio vivevano i Goti, che facevano i contadini. Verso il 350 d.c. dal centro dell’Asia arrivarono gli Unni, nomadi delle steppe che vivevano di saccheggi come hanno poi fatto per secoli gli Jong-Nu e i mongoli di Gengis Khan e di Tamerlano. I Goti scapparono a sud e si fermarono affamati sulle rive del Danubio dove scongiurarono i romani di lasciargli passare il fiume ed entrare nell’impero dove c’era prosperità, pace e lavoro. L’imperatore Valente diede loro il permesso e li aiutò ad entrare. E in ciò c’è una analogia con quanto avviene oggi. In Asia e in Africa infatti sono al potere bande di fanatici religiosi che non coltivano, non costruiscono, non producono, sanno solo uccidere e saccheggiare e la gente fugge nel ricco Occidente dove viene lasciata entrare e dove molti governi, come quello della Merkel, la invitano a venire.

E ci sono anche statisti europei ed americani che vorrebbero accogliere i turchi facendo entrare la Turchia nella Ue, dove c’è libera circolazione della popolazione. Così si formerebbe un’unica comunità euro-asiatica. Ad ogni modo, se i flussi migratori dovessero continuare, nei prossimi decenni si formeranno in Europa consistenti comunità islamiche africane ed asiatiche che ne modificheranno la composizione etnica e religiosa. Nessuno può dire con quali conseguenze, infatti da questo crogiuolo può nascere un grande rinnovamento culturale, forse una rivitalizzazione economica, ma possono nascerne anche divisioni e conflitti. Riprendendo l’esempio dei Goti che fuggivano dagli Unni e che l’imperatore Valente aveva fatto traghettare al sicuro nell’Impero romano, ricordiamo che negli anni che seguirono, i Goti di Alarico saccheggiarono Roma e quelli di Teodorico conquistarono l’Italia.

- Advertisment -

Articoli popolari

Dittatura digitale: ecco come ci stiamo consegnando al mondo delle macchine (e a chi le controlla)

“I mass media soffocano la diversità. Tutto viene a scarseggiare, tranne i dieci libri, i dieci dischi più venduti, i film...

Chiese distrutte tra Francia, Belgio, Inghilterra e Cile

Nel giugno 2020 i lavori di riqualificazione di un collegio universitario a Lille, Alta Francia, raggiungevano oltralpe rilevanza nazionale: oggetto del...

Genocidio armeno: forum a cura di “Arsenale delle idee”, in diretta FB, lunedì 12 ore 19

Lunedì 12 aprile 2021, alle ore 19.00 sulla pagina Fb dell’ Arsenale delle idee il forum: “Armeni: il genocidio negato” a partire dal...

Armeni, il genocidio negato, su Storia in Rete n. 180, aprile 2021

Centinaia di migliaia di morti, forse quasi un milione e mezzo. Un'intera civiltà cancellata dalle terre dove viveva da tremila anni....