Home Stampa italiana 1 Online le carte su Katyn sul sito ufficiale degli Archivi russi

Online le carte su Katyn sul sito ufficiale degli Archivi russi

Mosca vuole dimostrare di aver «imparato le lezioni della storia», e nell’ansioso tentativo di un miglioramento dei rapporti con Varsavia ha reso pubblici oggi i documenti relativi al massacro di Katyn, dove 70 anni fa vennero uccisi circa 22000 soldati polacchi. «Lo dobbiamo al mondo» ha detto il leader del Cremlino Dmitri Medvedev, in visita in Danimarca, specificando tuttavia che «questi archivi non erano sconosciuti: semplicemente sono stati messi su un sito in modo che tutti possano avere l’opportunità di vedere chi ha dato l’ordine di uccidere gli ufficiali polacchi».

.

da La Stampa del 28 aprile 2010LASTAMPA.it - Home

.

Tra i documenti pubblicati online, quello che spicca è una nota del capo della polizia politica (Nkvd), Lavrentij Beria, al dittatore sovietico Josif Stalin, dove si propone di uccidere gli ufficiali. Tali i documenti sono stati desecretati nel 1992 e inviati a Varsavia, ma non erano mai apparsi prima su un sito ufficiale russo. Il capo dell’Archivio federale russo, Andrei Artizov, da parte sua ha spiegato che tali documenti erano stati pubblicati per mettere a tacere coloro che negano la colpevolezza sovietica.

Il massacro di Katyn rappresenta il fardello più pesante nella storia dei rapporti tra Mosca e Varsavia. Un fardello che con il recente incidente all’aereo presidenziale di Lech Kaczynski ha subito una strana metamorfosi. Mosca ha infatti dimostrato un’apertura e una disponibilità, senza precedenti nei confronti di Varsavia. Dopo che un paio di giorni prima già il premier Vladimir Putin aveva accolto il collega Donald Tusk per le commemorazioni del massacro, frutto di una repressione scellerata dopo l’invasione da parte dell’URSS nel settembre del 1939 delle regioni polacche d’Oriente.

Tra le 22.000 vittime c’erano ufficiali polacchi, ma anche prigionieri dell’Armata Rossa, tutti uccisi nella foresta di Katyn, oltre che a Mednoie (Russia), e Kharkiv (Ucraina). Una macchina della morte messa in funzione da Stalin e funzionante per tre giorni consecutivi. Putin da un anno nel discorso ufficiale pone l’accento sulla necessità di condividere questa sciagura tutti insieme, russi e polacchi. Nel segno di una ricerca spasmodica a un riavvicinamento politico tra i due paesi.

Per decenni, l’Unione Sovietica ha accusato i nazisti di aver commesso questi omicidi. Poi nell’aprile 1990 il leader sovietico Mikhail Gorbaciov ha riconosciuto la responsabilità del suo paese in questi massacri. La nota Ong russa Memorial, che si batte per l’accesso ai documenti ancora classificati come ’top sectret’, ha accolto con favore la pubblicazione di documenti. Ma per ora Katyn non è ancora considerato ufficialmente da Mosca come crimine contro l’umanità.

__________________________

VUOI SAPERNE DI PIU’? LEGGI STORIA IN RETE N° 41

__________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 30 aprile 2010

- Advertisment -

Articoli popolari

Dittatura digitale: ecco come ci stiamo consegnando al mondo delle macchine (e a chi le controlla)

“I mass media soffocano la diversità. Tutto viene a scarseggiare, tranne i dieci libri, i dieci dischi più venduti, i film...

Chiese distrutte tra Francia, Belgio, Inghilterra e Cile

Nel giugno 2020 i lavori di riqualificazione di un collegio universitario a Lille, Alta Francia, raggiungevano oltralpe rilevanza nazionale: oggetto del...

Genocidio armeno: forum a cura di “Arsenale delle idee”, in diretta FB, lunedì 12 ore 19

Lunedì 12 aprile 2021, alle ore 19.00 sulla pagina Fb dell’ Arsenale delle idee il forum: “Armeni: il genocidio negato” a partire dal...

Armeni, il genocidio negato, su Storia in Rete n. 180, aprile 2021

Centinaia di migliaia di morti, forse quasi un milione e mezzo. Un'intera civiltà cancellata dalle terre dove viveva da tremila anni....